• martedì , 18 Gennaio 2022

Nardò - 19 Dic 2021

“Vivi il museo: itinerari di memoria e bellezza”


Spazio Aperto Salento

Un ciclo di iniziative denominato “Vivi il museo: itinerari di memoria e bellezza”, partirà lunedì 20 dicembre e si concluderà a maggio del 2022. L’importante progetto è promosso dal Dipartimento di Studi umanistici dell’Università del Salento e dalla delegazione di Nardò dell’Associazione Italiana di Cultura Classica, presieduta dalla professoressa Alessandra Manieri, docente di Lingua e letteratura greca.

Si parte dunque lunedì 20 dicembre alle ore 18, nel Museo della Preistoria di Nardò ubicato in vicolo Sant’Antonio, dove la direttrice Filomena Ranaldo parlerà di “Ritorno alle origini: Nardò nel Paleolitico dal Neanderthal al Sapiens”, accompagnando i visitatori in un viaggio a ritroso di migliaia di anni per comprendere le dinamiche che legarono i Neanderthal ai primi esemplari di homo sapiens e gli eventi cruciali che si verificarono nel Paleolitico nello scenario del territorio salentino.

Come detto, le iniziative proseguiranno sino alla primavera prossima, con attività che attraverseranno i principali musei del territorio neretino, con tappe nel Museo della memoria e dell’accoglienza (22 gennaio 2022), nel Museo del mare antico (10 febbraio) e nel Museo archeologico dei ragazzi (20 marzo), per poi approdare a Lecce.

Nella città capoluogo, gli appuntamenti saranno nel Museo Papirologico dell’Università del Salento (8 aprile), dove i professori Mario Capasso e Natascia Pellè ricostruiranno la vita quotidiana dell’antico Egitto attraverso la ricca collezione di papiri, e nel Museo “Sigismondo Castromediano” (6 maggio), dove l’archeologa Anna Lucia Tempesta ripercorrerà, fra tradizione e rinnovamento, i 150 anni di storia del più importante centro museale cittadino. Il ciclo di eventi si concluderà il 22 maggio con una visita guidata agli scavi ed ai musei di Metaponto e Matera, a cura della professoressa Francesca Silvestrelli dell’Università del Salento.

«L’interazione con i musei – ha sottolineato la professoressa Manieri – è ritenuta imprescindibile nel percorso educativo, culturale e di ricerca promosso dall’Università e sostenuto nei suoi scopi statutari dall’Associazione Italiana di Cultura Classica. Nell’accostarsi ai reperti, alle testimonianze ed agli oggetti d’arte che nei musei trovano catalogazione, studio ed esposizione, l’uomo del presente instaura un dialogo vivo con la cultura e gli eventi del passato, affina la propria sensibilità dinanzi alla memoria e diventa corresponsabile della sua custodia, nonché della sua diffusione e trasmissione alle future generazioni».

Gli incontri potranno essere riconosciuti come attività di formazione ed aggiornamento professionale, ed ai partecipanti che ne faranno richiesta, alla fine del ciclo di eventi, verrà  rilasciato un attestato. Info: piavale@libero.it. Del Comitato scientifico e organizzativo di “Vivi il museo: itinerari di memoria e bellezza”, fanno parte i docenti Alessandra Manieri e Saulo Delle Donne per UniSalento, ed Alfredo Sanasi, Alberta Barone, Maria Pia Carlucci e Rossella Marzano per l’Associazione Italiana di Cultura Classica di Nardò.