• lunedì , 20 Settembre 2021

Lavori Pubblici - 27 Feb 2021

Salice, in vista nuovi lavori riguardanti il Palazzo municipale (2.710.000 euro) e il Parco giochi comunale (250.000 euro)

Nei giorni scorsi avviata anche la procedura negoziata per l`affidamento dei lavori relativi al recupero della Chiesa Santa Filomena per destinarla a centro multifunzionale di informazioni turistiche e culturali (importo 200.000 euro)


Spazio Aperto Salento

In vista l’avvio a Salice di altri interventi per 2.910.000 di euro. I nuovi lavori riguarderanno il Palazzo municipale (importo progetto 2.710.000 euro) e il Parco giochi comunale “Papa Giovanni Paolo II” (250.000 euro). Il primo riguarda l’efficientamento energetico dell’edificio con risorse del “Fondo per lo sviluppo e la coesione 2014-2020, Delibere Cipe 25/2016 e 55/2016”; il secondo la manutenzione straordinaria delle strutture sportive esistenti all’interno del parco giochi con fondi regionali concessi ai sensi della Legge regionale 13/2001.

Nelle scorse settimane, infatti, il Settore “Lavori pubblici” del Comune, ha approvato alcuni atti propedeutici alla procedura per l’affidamento dei lavori. Il primo, Determinazione 74 del 3 febbraio 2021, riguarda l’approvazione della bozza del Disciplinare di incarico professionale per la redazione del progetto esecutivo per la sistemazione delle strutture sportive del parco giochi (incarico affidato al salicese architetto Angelo Colletta); il secondo, Determinazione 80 del 5 febbraio 2021, consiste nella liquidazione di una fattura (4.500 euro) per l’esecuzione di saggi e indagini sul palazzo Municipale.

Il parco giochi comunale “Papa Giovanni Paolo II” chiuso da anni

Questi saggi, a seguito dell’approvazione del progetto definivo da parte della Giunta con delibera 7 del 22 gennaio 2020, sono risultati necessari considerato che, per l’anno di costruzione dell’immobile, deve essere acquisita l’autorizzazione della Sovrintendenza ai Beni e alle attività culturali. Quest’ultima, appunto, ha prescritto “l’esecuzione di sondaggi stratigrafici finalizzati alla comprensione del palinsesto delle finiture delle murature verticali e sulle strutture voltate comprensiva e della Redazione della relazione finale tecnico-scientifica e dell’analisi stratigrafica a firma di un restauratore iscritto nell’elenco degli operatori abilitati dalla Soprintendenza”.

La costruzione del Palazzo municipale fu voluta dal senatore Arcangelo De Castris nel 1875, quando ricopriva anche la carica di sindaco di Salice. All’epoca fu richiesto all’ingegnere Antonio Rubichi di Brindisi di redigere un progetto di massima.

Il Palazzo municipale costruito nella seconda metà dell’Ottocento

Il progetto dell’immobile, all’epoca considerato moderno e concepito per ospitare in un’unica struttura diversi servizi locali (compreso le Poste), fu poi costruito negli anni seguenti quando, finalmente, il senatore De Castris riuscì ad ottenere un mutuo di 50mila lire dalla Cassa Depositi e prestiti (cfr. Giovanni De Nisi, Salice Terrae Hidrunti, pagine 208-209).

Chiesetta di “Santa Filomena”

Tra giovedì e venerdì scorso, intanto, con Determinazioni rispettivamente 140 e 145 del Responsabile del Settore comunale ai Lavori pubblici, è stata avviata la procedura negoziata (ai sensi dell`art. 1 comma 2 lett b della Legge 11 settembre 2020) per l`affidamento dei lavori relativi al Recupero della chiesetta di Santa Filomena per destinarla a centro multifunzionale di informazioni turistiche e culturali (importo 200.000 euro, assegnati al Comune, tramite bando, dal Gal “Terra d’Arneo”, fondi Psr Puglia 2024-2020 misura 19, sostegno allo sviluppo locale di tipo partecipativo, sottomisura 19.2).

Con la determinazione 145, infine, è stato approvato il verbale di estrazione di 5 ditte da invitare alla procedura negoziata.

Rosario Faggiano

© Riproduzione riservata


Foto in alto: lo stato di abbandono degli impianti sportivi del Parco giochi comunale