• sabato , 25 Settembre 2021

Calcio - 03 Mar 2021

Anche l’Entella frena un Lecce sprecone

Ieri sera al Via del Mare solo un pari a reti inviolate. I salentini non riescono a battere l’ultima in classifica


Spazio Aperto Salento

Una grande occasione mancata, un’altra. Il Lecce non riesce a fare gol contro l’ultima in classifica e la gara si conclude a reti inviolate, lasciando sfumare l’obiettivo del riscatto dopo il pareggio di tre giorni fa maturato a Pescara.

A sorpresa, Corini schiera in attacco Pettinari al fianco di Rodriguez, e in difesa riconferma Maggio, che nella scorsa gara aveva apposto la firma.

La prestazione del primo tempo sembra premiare le scelte dell’allenatore, il Lecce riesce a costruire gioco aggredendo l’avversario con un buon possesso palla e dimostrando una notevole superiorità tecnica.

Le occasioni non mancano: Rodriguez serve spesso i compagni, ma Pettinati sbaglia troppo sotto porta; anche Maggio prova a replicare la prodezza di sabato, e Mancosu è meno preciso del solito.

L’Entella esce fuori attorno la mezz’ora di gioco, quando decide di subire di meno l’iniziativa avversaria e si affida a qualche ripartenza con Brunori, ma non diventa mai pericoloso.

Al termine della prima frazione di gioco, inizia lo show di Russo: il portiere della squadra ligure è decisamente il migliore in campo dei suoi, e al 40’ smorza un tiro ravvicinato e molto insidioso di Bjorkengren. Coadiuvato da un reparto attento e ordinato, l’estremo difensore riesce a fare di tutto fino alla fine, negando al Lecce la possibilità di andare in vantaggio.

Rodriguez s’infiltra bene in aerea, ma Russo c’è sempre. Corini prova ad inserire ogni risorsa possibile pur di andare in gol: entrano Yalcin, Stepinski, Majer, Coda e Paganini, eppure le idee latitano e, paradossalmente, la manovra diventa più lenta e decisamente sterile.

Al 71’ i giallorossi chiedono il rosso per una forte gomitata di De Col, ma l’arbitro si limita ad ammonire il difensore. All’81’ Stepinski manca un aggancio e permette una pericolosa ripartenza dell’Entella, fermata solo dall’opposizione di Meccariello, poi ha l’occasione di riscattarsi, servito molto bene da Yalcin, ma la palla finisce troppo in alto. All’89’ ci prova ancora, ma oltre Russo, oggi, non si passa. La partita termina con un tiro dello stesso Yalcin, che sfiora il palo.

Da un’analisi oculata della partita, risulta alquanto azzardato e ingiusto l’attacco a Corini, giunto da una certa tifoseria. Il tecnico può avvalersi della fiducia della società, che non ha mai messo in discussione il suo operato. Forse i tempi e le strategie dei cambi andrebbero studiati meglio, ma se quella palla fosse entrata, e a volte si è trattato davvero di sfortuna, oltre che di meriti straordinari del portiere avversario, i discorsi, anche sul web, sarebbero altri.

Mimma Leone

© Riproduzione riservata

 

LECCE: Gabriel, Maggio (81’Paganini), Lucioni, Meccariello, Gallo, Hjulmand, Henderson (75’Majer), Björkengren (80’Coda), Mancosu, Pettinari (64’Yalcin), Rodriguez (76’Stepinski). Allenatore: Corini.

VIRTUS ENTELLA: Russo, De Col, Costa, Chiosa (65’Poli), Pellizzer, Koutsoupias, Paolucci (61’Nizzetto), Brescianini (61’Settembrini), Mancosu (66’Capello), Schenetti, Brunori. Allenatore: Vivarini.

Arbitro: Meraviglia di Pistoia.

 

Foto in alto: Mancosu contrastato da un avversario

 

Bjorkengren

Una palla gol sprecata da Pettinari

Un contrasto su Bjorkengren

Un tentativo di Meccariello

Pettinari

Contrasto areo di Lucioni

Yalcin, oggetto misterioso

Rodriguez, sfumata ormai la novità

Perdita di tempo dell’Entella