• domenica , 17 Ottobre 2021

Salice/Podismo - 12 Ott 2021

Arcangelo Arnesano conquista il podio alla Maratonina “Un dono dal cielo” di Latina

L’atleta salicese, di 53 anni, rappresenta un eccezionale esempio di dedizione e impegno sportivo. “Dedico la mia gara al personale sanitario e ai pazienti degli ospedali pediatrici”


Spazio Aperto Salento

Podio per Arcangelo Arnesano alla Maratonina “Un dono dal cielo” di Latina. L’atleta salicese ha conquistato il primo posto nella categoria  “Aeronautica  Militare” percorrendo il tragitto di 23 chilometri in 1:36:47, nonché il 12 posto assoluto della gara che lo scorso 10 ottobre ha visto la partecipazione complessiva di 61 società per oltre 300 iscritti.

La manifestazione, promossa secondo le linee guida Fidal, è stata organizzata dalla 4a Brigata Telecomunicazioni di Borgo Piave con l’obiettivo di valorizzare il binomio sport-solidarietà. Il ricavato, rappresentato dalle quote di partecipazione dei partecipanti (incasso complessivo 3.000 euro), è stato destinato interamente agli ospedali pediatrici Gaslini di Genova, Santobono di Napoli e Bambino Gesù di Roma.

“Vincere l’ undicesima 23 km di Latina come Atleta dell’ Aeronautica  Militare – afferma Arnesano – per me è stato memorabile. Dedico la mia soddisfacente gara al personale sanitario e ai pazienti degli ospedali pediatrici”.

Questo nuovo successo di Arnesano, 53 anni, del Gruppo podistico della 3a Regione Aerea di Bari, in servizio nell’Aeronautica  Militare presso il 16° Stormo di Martina Franca, è frutto di tanto impegno e di regolari allenamenti giornalieri, spesso fatti con sacrifici e affrontando non pochi disagi. Il suo costante impegno, per tali ragioni, rappresenta un eccezionale e sano esempio di disinteressata dedizione sportiva.

“Purtroppo – spiega l’atleta salicese – noi podisti/lavoratori siamo costretti ad allenarci fra mille difficoltà. Nei nostri paesi spesso mancano strutture e aree idonee dove poter svolgere allenamenti in tranquillità e sicurezza. A Salice, ad esempio, dobbiamo arrangiarci, soprattutto nelle ore notturne. Disponiamo, infatti, solo di spazi non idonei e, per giunta, con poca luminosità, tipo le zone industriali. In genere – conclude – c’è poca attenzione per l’atletica”.

Arcangelo Arnesano svolge attività podistica da tantissimi anni. Fa parte del Gruppo podistico della 3a Regione Aerea di Bari dal 2009. Il suo curriculum sportivo è ricchissimo di presenze a gare provinciali, regionali e, soprattutto, nazionali. Ha affrontato qualsiasi tipologia di percorso: campestre, montagna, strada o pista. Ha partecipato, conseguendo importanti piazzamenti, alla Spring Run di Ferrara (2013), all’Urban Trail di Bologna (2017) e alla Joint Run di Cagliari (2019). Ha gareggiato, fra l’altro, in diverse ultramaratone portandole sempre a termine (la 100 km del Passatore Firenze-Faenza nel 2015 e nel 2016; la 50 km di Romagna nel 2019; la 6 ore di Matera nel 2021; la 6 ore di Putignano nel 2013, 2015 e 2016; la 6 ore di Acaya nel 2019; la 6 ore di Banzi nel 2016; e così via).

Dopo il fermo dovuto all’emergenza epidemiologica da Covid-10, lo scorso 10 settembre ha conquistato il 1° posto di categoria a Sammichele di Bari, nella gara nazionale Aereonautica Militare di 10 km.

“Il messaggio che vorrei lanciare soprattutto ai giovani – aggiunge Arnesano – è che un lavoratore che pratica lo sport a livello amatoriale si deve divertire tanto. Certo, il podio è bello e ti dà soddisfazione, ma non è la cosa più importante. Quello che conta è praticare questa meravigliosa disciplina in modo sano e, se possibile, con gli amici, senza mai mollare. La corsa, infatti, è metafora della vita: ci sono le salite ma anche le discese; si cade ma ci si deve rialzare; ci sono gare dove si corre con tempo sereno ed altre con il temporale. Quasi sempre si perde, ma con l’impegno, la costanza e la determinazione qualche volta si riesce a vincere”.

Rosario Faggiano
© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: Arcangelo Arnesano premiato a Latina dal generale di Brigata aerea Sandro Sanasi

 

L’atleta salicese taglia il traguardo della 23 km di Latina