• lunedì , 27 Settembre 2021

Vino - 26 Lug 2021

Damiano Reale riconfermato presidente del Consorzio “Salice Salentino Dop”

Vicepresidente per il prossimo quinquennio sarà Marco Pagano. Nei giorni scorsi l’Assemblea dei soci ha eletto il nuovo Consiglio di Amministrazione


Spazio Aperto Salento

L’assemblea dei soci del Consorzio di tutela del “Salice Salentino Dop” e Igp Salento ha eletto il nuovo Consiglio di amministrazione. Damiano Reale è stato confermato presidente per la terza volta consecutiva. Vicepresidente, anche per il prossimo quinquennio, sarà Marco Pagano, attuale presidente della Cantina sociale di San Donaci.

Reale, titolare della Cantina “Vigneti Reale”, per il nuovo mandato si avvarrà della collaborazione, oltre che del vicepresidente Pagano, anche dei consiglieri Alessandro Candido (Vitivinicola Candido), Gabriele De Falco (Cantine De Falco), Nicola Scarano (Cantine Due Palme), Clementina Leuzzi (Azienda Vinicola Leuzzi Clementina), Clemente Zecca (Agricola Conti Zecca), Luigi Seracca Guerrieri (Gruppo Italiano Vini) e Giuseppe Buccolieri (Cantina Produttori di San Pancrazio Salentino).

“Si tratta – afferma il consigliere anziano Candido – di un buon preludio per dare continuità al lavoro fatto finora e alla condivisione degli obiettivi. Nell’unità di intenti e nell’interesse dell’intero comparto vitivinicolo, saranno due gli obiettivi, già intrapresi dal Consiglio uscente, che ci impegneremo a portare a conclusione: il progetto di finanziamento per attività promozionale presentato mediante il Dajs per la somma di 1.200.000 euro e il raggiungimento della rappresentatività del 40% dei viticoltori al fine di ottenere il riconoscimento erga omnes anche per l’Igp Salento da parte del MIPAAF”.

“Saremo impegnati – commenta il presidente Reale – a portare avanti il progetto di rilancio che da diversi anni il Consorzio sostiene con l’obiettivo di attrarre l’interesse di un numero sempre maggiore di consumatori ed amanti del bere di qualità. La nostra storia, la qualità dei prodotti proposti ed il forte legame con il territorio ci permettono di confrontarci a livello nazionale ed internazionale per far apprezzare non solo i nostri vini ma anche per attrarre l’interesse dei wine lovers, sfruttando il lato emozionale che da sempre caratterizza l’intero comparto salentino. Tutte le nostre aziende sono impegnate in un’attività di tutela e sviluppo delle proprie attività con l’obiettivo di aprirsi e sfruttare al meglio il fenomeno crescente dell’enoturismo. Promuovere un vino significa raccontare la storia del territorio, in cui quel vino è prodotto. Vuol dire raccontare la nostra storia, quella dei nostri padri, dei nostri nonni. Vuol dire portare alla luce le vicende umane e professionali di centinaia di viticoltori che aspettano un anno intero prima di veder concluso un ciclo di produzione. Raggiungere l’erga omnes anche per l’Igp Salento, inoltre, ci permetterà di vigilare e controllare anche tutte le relative produzioni, garantendo la valorizzazione e la tutela per i vini sfusi e condizionati venduti dentro e fuori Regione. Un’azione che ha il bisogno di essere sostenuta soprattutto dalle Cantine cooperative, chiamate a svolgere un’azione di coinvolgimento dei propri soci produttori affinché aderiscano al Consorzio con le proprie produzioni di uve Igp Salento. Il Consorzio deve avere l’ambizione di essere un punto di riferimento, di coordinamento e di sviluppo per tutto il settore vitivinicolo salentino, nonché dei diversi Consorzi che tutelano tutti i vini salentini a denominazione di origine controllata. Ci attendono sfide impegnative – conclude Reale – che affronteremo con l’immutata passione e determinazione che da sempre ci caratterizza”. (red.)

© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: Damiano Reale

 

Marco Pagano

Alessandro Candido