• mercoledì , 5 Ottobre 2022

Calcio - 17 Ott 2021

Dopo quattro vittorie consecutive il Lecce si deve accontentare di un pareggio

Il commento di Adolfo Starace alla partita giocata ieri in trasferta contro l’Ascoli


Spazio Aperto Salento

L’Ascoli blocca la marcia del Lecce che dopo 4 vittorie consecutive si deve accontentare di un pareggio, al termine di una gara equilibrata e ben giocata da entrambe le squadre. Partono bene i giallorossi e dopo soli 7′ Strefezza, servito alla perfezione da Barreca, di testa batte il portiere Leali.

Fino alla metà del primo tempo il Lecce sembra padrone della partita tanto da sfiorare il secondo gol in un paio di occasioni. Poi, pian piano l’Ascoli comincia a prendere le contromisure alla squadra giallorossa e chiude la prima frazione di gioco in attacco. Nel secondo tempo i marchigiani cambiano volto alla squadra con gli innesti di Sabiri e Fabbrini e dopo aver colpito una traversa pareggiano al 74′ con l’altro nuovo entrato Iliev che sfrutta un preciso passaggio in profondità di Dionisi.

Nell’ultimo quarto d’ora la gara riserva altre emozioni da una parte e dall’altra, ma è il Lecce ad avere la migliore occasione con Coda che incredibilmente da due passi si fa neutralizzare il tiro da Leali. Alla fine il risultato di parità è giusto e conferma quanto di buono si dice sulla formazione marchigiana allenata da Sottil.

Per il Lecce questo risultato non può e non deve essere considerato una battuta a vuoto ma invece rappresenta un altro momento di crescita per alcuni elementi che oggi si sono alternati in squadra. Buona la gara di Blin entrato nella ripresa, ottime ancora una volta le prestazioni di Di Mariano e Strefezza mentre Coda è apparso meno lucido del solito e non solo per il clamoroso gol fallito.

Una nota di merito per i 400 e passa tifosi del Lecce che hanno colorato il settore ospiti incitando la squadra fino al 95′. Ora il campionato entrerà nel vivo ed i giallorossi avranno nelle prossime 4 gare la possibilità di attaccare il primato della classifica potendo usufruire di 3 incontri tra le mura amiche. Perugia in casa, Brescia fuori ed infine Cosenza e Parma ancora in casa nel giro di 22 giorni diranno in maniera definitiva quali potranno essere gli obiettivi a breve scadenza dei giallorossi del tecnico Baroni.

Adolfo Starace
già segretario generale U.S. Lecce

© Riproduzione riservata

 

In foto: Baroni (archivio Pierluigi Pinto)