• giovedì , 22 Febbraio 2024

Calcio/Serie A - 28 Nov 2023

Falcone “paratutto” salva il risultato del Lecce: a Verona finisce 2-2

Commento di Adolfo Starace al match di ieri sera, lunedì 27 novembre. Per i giallorossi in gol Oudin e Gonzalez


Spazio Aperto Salento

Al termine di una gara senza esclusioni di colpi, il Lecce esce imbattuto dal “Bentegodi” dopo aver assaporato la gioia di una vittoria che, soprattutto nel primo tempo, stava meritando. Ma alla fine i giallorossi devono ringraziare Falcone che con alcuni prodigiosi interventi compiuti nel secondo tempo, ha evitato una sconfitta che avrebbe un po’ complicato il cammino verso la salvezza.

Insomma un punto importante per i ragazzi di D’Aversa (in foto) che però deve far riflettere per la grande occasione perduta soprattutto, lo ripetiamo, per le occasioni avute nella prima frazione di gara.

Tante le novità nel Lecce schierato da D’Aversa: in porta Falcone; difesa a quattro con Dorgu, Baschirotto, Pongracic e Gendrey; centrocampo con Oudin, Blin e Gonzalez; in attacco Banda, Krstovic e Sansone.

La cronaca del primo tempo registra un buon inizio del Verona che impegna Falcone con un tiro di Ngonge, ma subito dopo i giallorossi prendono decisamente in mano la gara e iniziano a martellare la difesa avversaria con le iniziative di Sansone e soprattutto con Oudin che con un tiro dalla media distanza impegna severamente il portiere avversario Montipò.

È la prova generale prima del vantaggio giallorosso che arriva alla mezz’ora: è sempre Oudin che dopo aver intercettato un errato disimpegno della difesa avversaria con un potente tiro batteva imparabilmente Montipò.

Il Verona accusa il colpo ed il Lecce ha la grande occasione per chiudere la gara, ma Banda in area di rigore si fa respingere il tiro dal portiere avversario.

Succede così che quando tutti aspettavano il raddoppio del Lecce a pochi minuti dal termine del primo tempo il Verona pareggia: Dorgu sbaglia un facile passaggio e Djuric ne approfitta per porgere un assist a Ngonge che quasi dalla linea di fondo batte Falcone che in questo caso non è esente da colpe.

Nel secondo tempo D’Aversa opera la prima sostituzione mandando in campo Gallo al posto dell’ammonito Dorgu. Il Verona parte subito bene e, prima con un colpo di testa di Mboula ma soprattutto con Ngonge, direttamente su calcio di punizione impensieriscono Falcone che inizia a fare gli straordinari.

La parata super del portierone giallorosso avviene al minuto 63: Duda indirizza all’incrocio dei pali un gran tiro che viene deviato con un balzo miracoloso.

Ancora cambi nel Lecce: entrano Strefezza e Piccoli al posto di Sansone e Krstovic, ma il Verona continua a pressare la difesa giallorossa. Poi, la gara cambia ancora a favore del Lecce: è Gonzalez a trovare al 69′ il gol del vantaggio dopo un’azione personale.

Il Verona ha il merito di non demoralizzarsi e si butta di nuovo in attacco trovando al 78′ il gol del pareggio su colpo di testa di Djuric. Gli ultimi 10 minuti sono un autentico inferno per i ragazzi di D’Aversa che devono ringraziare Falcone autore di almeno due interventi miracolosi sui tiri a botta sicura di Ngonge (ancora lui) e Duda.

Gli ultimi cambi operati da D’Aversa, con Rafia al posto di Oudin e Venuti al posto di Banda, servono a smorzare la carica agonistica dei padroni di casa e dopo 4′ di recupero l’arbitro La Penna manda tutti negli spogliatoi.

Buone le prestazioni di Gonzalez, Oudin e naturalmente di Falcone. Da rivedere l’atteggiamento nel secondo tempo dei giallorossi che hanno rischiato più del dovuto contro una squadra tecnicamente inferiore che l’ex Baroni farà fatica a portare fuori dalla zona calda della classifica.

Adolfo Starace
© Riproduzione riservata

 

HELLAS VERONA (4-3-3): Montipò, Amione (91′ Coppola), Terracciano, Hien, Tchatchoua, Duda, Folorunsho, Suslov, Mboula (61′ Lazovic), Ngonge, Djuric (dal 75′ Bonazzoli). A disosizione: Perilli, Berardi, Doig, Henry, Cruz, Kallon, Saponara Hongla, Serdar, Cabal, Charlys. Allenatore: Baroni.

LECCE (4-3-3): Falcone, Pongracic, Gendrey, Baschirotto, Dorgu (46′ st Gallo), Gonzalez, Oudin (88 Rafia), Blin, Sansone (65′ Strefezza), Banda (91′ Venuti), Krstovic(65′ Piccoli). A disposizione: Brancolini, Samooja, Berisha, Listkowski, Faticanti, Dermaku, Touba. Allenatore: D’Aversa.

Marcatori: 31′ Oudin (L), 41′ Ngonge (H), 69′ Gonzalez (L), 77′ Djuric (H)

Arbitro: La Penna di Roma.