• mercoledì , 29 Maggio 2024

Attualità - 09 Ott 2023

Giornata mondiale della salute mentale: a Lecce il sedile si tinge di verde


Spazio Aperto Salento

Il 10 ottobre si celebra in tutto il mondo il World Health Mental Day – Giornata mondiale della salute mentale. Celebrata per la prima volta il 10 ottobre 1992, la Giornata è promossa dalla World Federation of Mental Health – Federazione Mondiale della Salute Mentale – e supportata dall’Organizzazione mondiale della Sanità.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla salute mentale quale diritto universale, diritto alla cura e all’inclusione, a Lecce nella serata di domani il sedile sarà illuminato con la luce verde, colore simbolo della Giornata. Alle 19.30, in piazza Sant’Oronzo, si svolgerà a cura delle compagnie di danza Elektra e Atto il flashmob “Le sorelle” con la regia e coreografia di Annamaria De Filippi (Laboratorio di danza) e con la partecipazione dei Laboratori espressivi del Centro DNA (Dipartimento di Salute Mentale Asl Lecce). “Le sorelle” è un happening di danza in cui cinque danzatrici professioniste insieme con utenti del Centro per la Cura e la Ricerca sui Disturbi dell’Alimentazione della Asl Lecce, diretto dalla dottoressa Caterina Renna, tentano il racconto della loro emancipazione. Lo scorso luglio, lo spettacolo è andato in scena al Giffoni film festival.

L’iniziativa è sostenuta dall’assessorato al Welfare del Comune di Lecce ed è realizzata in collaborazione con Pe(n)sa differente, Polo BiblioMuseale di Lecce, Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia, Madamadore, Salomè, Big Sur. Il significato della manifestazione è valorizzare l’arte come atto sociale che unisce e cura. “Le sorelle” è un racconto sull’emancipazione femminile, il distacco necessario dalla propria famiglia di origine, la competizione con le sorelle e le altre donne del clan, in un racconto dove i corpi sperimentano l’assenza, il dolore, il vuoto affettivo, il non essere riconosciuti, mentre lottano nella direzione della propria affermazione. Dalla prigionia al rito della creatività e della guarigione si partoriscono nuove vicende.

“Dobbiamo superare barriere e reticenze – dice Silvia Miglietta (in foto), assessora al Welfare, assumere la consapevolezza che bisogna prendersi cura della salute mentale ogni giorno, per tutti –– la nostra città esprime una rete importante di servizi pubblici e attività del terzo settore e della cultura che ogni giorno sostiene donne e uomini nei percorsi di cura e di consapevolezza necessari per recuperare la salute mentale. Siamo al loro fianco, siamo al fianco di chi ha bisogno di una mano tesa”.