• giovedì , 17 Giugno 2021

Ambiente - 16 Apr 2021

Guagnano, “no” unanime del Consiglio ai mega impianti eolici

L’Assemblea cittadina di Guagnano ha deliberato ieri sera. Lunedì prossimo toccherà al Consiglio di Salice esaminare l’argomento proposto dai consiglieri Ruggeri, Grasso, Marinaci, Cuppone e Manno


Spazio Aperto Salento

Ferma contrarietà ad insediamenti di mega parchi eolici. È la sostanza di quanto deliberato ieri sera dal Consiglio comunale di Guagnano, presieduto dal sindaco Dino Sorrento. Una decisione adottata all’unanimità per tutelare la vocazione agricola e agrituristica del territorio, ma anche il paesaggio e l’ambiente.

L’Assemblea, che è stata convocata anche su richiesta del consigliere Fernando Leone, ha espresso contrarietà al progetto di 7 aereogeneratori proposti dalla società Iron Solar, nonché assoluta contrarietà e osservazioni sul progetto di 14 aerogeneratori di Enel green power Italia. Quest’ultimo, che come il primo prevede torri eoliche a Salice e a Veglie, interessa per contiguità anche Guagnano e per lavori di connessione San Pancrazio, Avetrana ed Erchie.

I termini per la presentazione di osservazioni (procedimento di Valutazione impatto ambientale) del progetto di Iron Solar sono scaduti nei giorni scorsi; i termini per il progetto di Enel green power Italia, invece, scadranno il prossimo 25 aprile.

Nell’atto deliberativo del Consiglio di Guagnano, vengono richiamati aspetti paesaggisti, ambientali, economici e tecnici, ma anche e soprattutto l’interesse del Comune “verso uno sviluppo agricolo e culturale, atteso altresì che il territorio è caratterizzato da vigneti di eccellenza in cui sono coltivati alcuni vitigni utilizzati per la produzione di vini Doc e Igt (Negroamaro, Primitivo)”. L’Assise ha anche ribadito la volontà “di promuovere ogni azione tesa a prevenire l’utilizzazione del suolo agricolo per l’insediamento di impianti eolici, garantendo la tutela della funzione produttiva di carattere rurale nonché la prioritaria necessità della salvaguardia della tutela della salute pubblica e quindi della salubrità dell’ambiente mediante la tutela da qualsiasi forma di alterazione del territorio”.

A Salice, intanto, l’eolico sarà all’attenzione del Consiglio comunale di lunedì prossimo (inizio ore 9).

Dopo la richiesta inviata con pec lo scorso 31 marzo dal Gruppo di minoranza “Salice nel Cuore”, Alessandro Ruggeri, Silvia Grasso ed Enzo Marinaci, e dai consiglieri Sonia Cuppone e Gianpiero Manno, il tema dei mega impianti eolici previsti a Salice e a Veglie è stato dunque inserito all’Ordine del giorno del Consiglio del 19 aprile, convocato per la discussione anche di altri argomenti (in tutto nove). Quello proposto dai cinque consiglieri è “Parchi eolici nel territorio di Salice Salentino e zone limitrofe: partecipazione democratica tra impatto ambientale, sviluppo sostenibile e tutela del territorio”.

“Nella nostra nota – affermano Ruggeri, Grasso e Marinaci – avevamo richiesto una seduta monotematica e urgente sui mega impianti eolici previsti nel nostro territorio. Ci ritroviamo l’argomento, invece, all’ultimo punto dell’Ordine del giorno. Nella nostra richiesta, peraltro, sull’argomento ci eravamo dichiarati disponibili a confrontarci preventivamente con la maggioranza per concordare il testo della deliberazione. E naturalmente ciò non è avvenuto. Anche su un argomento così importante, che inciderà sul futuro delle prossime generazioni, l’Amministrazione ha deciso di non coinvolgere i consiglieri di minoranza. È un atteggiamento di totale chiusura ormai da tempo consolidato”. (r.f.)

© Riproduzione riservata