• mercoledì , 30 Novembre 2022

Vinitaly - 11 Nov 2022

La Cantina Leone de Castris selezionata da Wine Spectator per “OperaWine 2023”

Prestigioso riconoscimento per l’antica azienda salentina in vista del “Vinitaly”, in programma la prossima primavera a Verona


Spazio Aperto Salento

L’azienda salentina Leone de Castris selezionata da “Wine Spectator” per  “OperaWine 2023”, l’evento annuale che precede il Vinitaly, il “Salone internazionale dei vini” in programma dal 2 al 5 aprile 2023 a Verona . Si tratta di un riconoscimento prestigioso, peraltro ottenuto quest’anno soltanto da tre Cantine pugliesi (le altre due sono Masseria Li Veli di Cellino San Marco e Tormaresca/Antinori di San Pietro Vernotico). In totale, a livello nazionale, sono state 130 le Cantine selezionate dall’importante magazine americano. La notizia è stata diffusa in occasione del “wine2wine Business Forum” tenutosi nei giorni scorsi a Verona.

“OperaWine – si legge in una nota dell’azienda Leone de Castris – è il consueto evento che ogni anno apre il sipario del Vinitaly con le cantine italiane scelte da Wine Spectator, una delle riviste enologiche più prestigiose al mondo, che riflette le preferenze dei mercati internazionali, OperaWine, infatti, sin dal 2012 offre agli operatori specializzati di tutto il mondo la possibilità di conoscere e degustare i migliori vini italiani, con un evento di degustazione di altissimo profilo. Anche quest’anno, l’azienda Leone de Castris è stata chiamata a rappresentare la Puglia, insieme ad altre due cantine della regione”.

“Siamo particolarmente contenti per questo ulteriore riconoscimento –  afferma Piernicola Leone de Castris, titolare dell’antica cantina di Salice Salentino – che non rappresenta una novità, ma una riconferma essendo da tempo selezionati da Wine Spectator. Infatti ci siamo stati anche in tante precedenti edizioni. Una riconferma che premia, innanzitutto, la filosofia aziendale che è alla base delle scelte e dell’intenso lavoro svolto negli anni per alzare sempre di più l’asticella della qualità, rimanendo fedeli alla territorialità”. (r.f.)

© Riproduzione riservata