• lunedì , 26 Luglio 2021

Comune - 17 Lug 2021

Lecce avvia una campagna di educazione stradale contro l’uso distorto di cellulari, cuffiette e monopattini

A ridosso delle strisce pedonali, di carreggiate e piste ciclabili, sono state realizzare tre diverse scritte accompagnate dallo slogan “La sicurezza parte da te!”


Spazio Aperto Salento

Il Comune di Lecce mette in guardia pedoni ed utilizzatori di monopattini elettrici, dall’uso distorto di cellulari, cuffiette e, appunto, monopattini. Lo fa con un’originale campagna di educazione stradale, che dall’inizio di luglio è materialmente visibile nelle immediate vicinanze di alcuni importanti incroci semaforici.

A ridosso delle strisce per l’attraversamento dei pedoni, nonché di carreggiate e piste ciclabili percorse dal nuovo mezzo di locomozione, sono apparse tre diverse scritte, il cui obiettivo è di invitare i primi a non usare i cellulari e le cuffiette mentre sono impegnati nell’attraversamento, ed i secondi al corretto uso del piccolo mezzo. Le scritte in questione, tutte con la sottolineatura: “La sicurezza parte da te”, così recitano: “Non chattare se devi attraversare”; “Con le cuffie ascolti la musica ma non senti il pericolo”, e “Il monopattino è monoposto”. Di colore bianco, sono contraddistinte dallo stemma del Comune e dalle figure, sbarrate in segno di comportamento errato, di una coppia intenta a guardare il cellulare, con le cuffiette agli orecchi e sul monopattino.

Lecce, l’incrocio di viale della Stazione

Sino ad oggi, sono state realizzate agli incroci di viale della Stazione con viale Gallipoli, e di viale Otranto con via Leuca, all’altezza di piazza Italia, ma a quanto si sa, presto dovrebbero comparire in altre zone cittadine, a cominciare dai viali degli Studenti e Calasso, ove sono alcune fra le sedi di UniSalento.

Con l’aggiunta delle dimensioni delle lettere, oltre che per il loro colore, le scritte sono immediatamente riconoscibili, perché posizionate ad un passo dalla prima striscia prossima ad essere impegnata per l’attraversamento dei pedoni e di chi si trova in monopattino, anche quando ciò avviene, come spesso si verifica, impegnando i marciapiedi e non già i percorsi canonici. A prescindere da quale sia il colore del semaforo incontrato, ai primi come ai secondi, è impossibile non vederle e leggerle, soprattutto, grazie anche alla loro brevità, e quindi considerarne il messaggio contenuto. Che come è evidente, è di prevenire incidenti dovuti proprio all’inevitabile distrazione collegata all’uso di cellulare e cuffiette, e nel caso dei monopattini, al fatto che molto spesso su di essi salgano in due anziché uno soltanto come per altro previsto dal nuovo codice stradale.

Toti Bellone
© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: Lecce, l’incrocio di viale Otranto. In basso: le tre scritte stradali in primo piano