• lunedì , 27 Settembre 2021

Attualità - 28 Lug 2021

Nardò, la prima “Charter Night” del Lions Club Specialty “Salento Zero Barriere”


Spazio Aperto Salento

Le restrizioni dettate dalla pandemia hanno bloccato gli aspetti istituzionali, ma non l’entusiasmo dei circa quaranta fra socie e soci dell’ultimo Lions Club nato in Terra d’Otranto.

Si tratta del Lions Club Specialty “Salento Zero Barriere” di Nardò, che sin dal nome, chiarisce la propria vocazione all’inclusione. Che è bene espressa dalle linee e dai colori del cosiddetto “guidoncino”, una sorta di Stella Polare dell’associazionismo Lions, che reca sullo sfondo il Tricolore ed al centro della banda bianca il Mondo, sul quale il profilo di un uomo con le mani sovrapposte, indica il vincolo di fraternità, così come l’albero di olivo che si staglia nella parte bassa, racconta la millenaria storia di accoglienza della nostra terra.

Con l’allentamento delle restrizioni, nei giorni scorsi il nuovo Lions ha potuto finalmente assolvere anche ai compiti istituzionali arretrati, con la cerimonia della sua prima “Charter Night”, vale a dire l’evento che segna la conclusione dell’anno sociale e l’avvio del nuovo. Lo ha fatto nella suggestiva cornice della terrazza del Grand Hotel Riviera di Santa Maria al Bagno, salutando e firmando prima di tutto la sua Carta Costitutiva e subito dopo il passaggio delle consegne dal presidente uscente Nino Fedele, all’entrante Antonio Musca.

Alludendo al “guidoncino”, il neo presidente ha detto: “Sia per ogni socio consapevole baluardo dell’appartenenza alla più grande organizzazione di solidarietà esistente al mondo”.

Alla “Charter Night” neritina, aperta dai saluti dei presidenti dei due Club sponsor, Luigi Calzalaro (Lion Club Casarano) ed Aldo Siciliano (Puglia dei patrimoni e dei cittadini) e del Lions guida, Giovanni Sebastio, non hanno fatto mancare i propri saluti il nuovo governatore del Distretto di appartenenza, il 108ab, Flavia Pankiewicz, la nostra collega giornalista recente vincitrice del Premio nazionale letterario “Melina Doti”, ed il past governatore Pierluigi Pinto. Per l’occasione, alla presenza del vice governatore distrettuale Leonardo Potenza e del governatore dell’anno di omologazione del Club, Roberto Burano Spagnulo, sono stati anche accolti due nuovi soci.

Al riuscito evento, condotto dalla cerimoniera Anna Sabato (sostenuta dal segretario Salvatore Adamo e dal tesoriere Claudio Anglano) e concluso dal vice governatore Potenza, hanno inoltre preso parte il vice presidente del Multidistretto Leo Italy, Lorenzo De Marco e la socia senatrice Maria Rosaria Manieri.

È da dire, che il Lions Club Specialty “Salento Zero Barriere”, è uno dei 90 Club sparsi in tutta la Puglia, e che per l’antica Neretum, la sua costituzione è la seconda dopo il Lions Club Nardò.

Toti Bellone
© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: iI Consiglio direttivo per l’anno sociale 2021-2022

 

Il presidente Musca (a sinistra) con l’uscente Fedele

Da sin: il tesoriere Anglano, la cerimoniera Sabato, ed accanto al presidente Musca, il segretario Adamo

Il past governatore distrettuale Burano Spagnulo e la socia, senatrice Manieri

 Il guidoncino del nuovo Lions neritino