• mercoledì , 19 Giugno 2024

Nardò - 03 Ott 2023

Piano urbanistico generale: incontro con commercianti, artigiani, professionisti e operatori turistici

Appuntamento pubblico domani, mercoledì 4 ottobre, alle ore 17, presso il Teatro comunale di Nardò


Spazio Aperto Salento

Continua il percorso di ascolto e partecipazione nell’ambito dell’iter per il Piano Urbanistico Generale. L’obiettivo è incontrare tecnici, operatori economici e cittadini, per raccogliere idee e visioni “dal basso”. Dopo l’ascolto di agronomi, archeologi, architetti, botanici, geologi, geometri e ingegneri, il secondo appuntamento in agenda è domani, mercoledì 4 ottobre, alle ore 17 presso il Teatro comunale (in foto)), e riguarderà commercianti, artigiani, professionisti, operatori turistici e della Zona Industriale/Pip. Interverranno Andrea Giuranna, assessore all’Urbanistica e al Pug, Alessandro Rocco Verona, ingegnere coordinatore dell’Ufficio di Piano, Irene Petrosillo, docente di Unisalento (la redazione di Vas e Vinca è stata affidata al Dipartimento Disteba di Unisalento). Coordinerà i lavori l’architetto Alfredo Foresta.

“Dopo il proficuo confronto con i tecnici – dice Giuranna – continuiamo il nostro percorso di ascolto con commercianti, artigiani, professionisti, operatori turistici e della Zona Industriale/zona Pip. Che rappresentano un’altra, qualificata, prospettiva della città e un altro importante gruppo di portatori di interessi. Stanno emergendo spunti e idee interessanti, da valutare e coniugare nell’idea di fondo che abbiano tracciato nell’atto di indirizzo, quella di una città tutta rivolta al futuro e incentrata sul benessere delle persone e di tutta la comunità, ma anche nello spirito di un Pug che dovrà essere innovativo e propulsivo del tessuto economico e sociale”.

Il Pug sarà articolato in previsioni strutturali e programmatiche che superano la rigidità del vecchio modello urbanistico del piano regolatore. L’amministrazione comunale intende dotarsi di uno strumento pianificatorio “attuale” e proiettato verso scelte urbanistiche che abbiano una forza innovatrice e propulsiva sul tessuto economico e sociale. Nell’atto di indirizzo sono illustrate le direttrici sociali, economiche e identitarie del piano, che fissa tre, grossi, obiettivi: ambiente, sostenibilità e innovazione. Quindi, la rotta è quella della salvaguardia ambientale mediante un approccio che tenga conto delle condizioni di ecosostenibilità generale e delle stratificazioni del paesaggio, nonché dei valori di identità storica della città; del riordino e della riqualificazione che siano equilibrate e oculate nell’utilizzo delle risorse (energia, acqua, suolo, ecc.); infine, della modernizzazione dei sistemi, dei servizi e delle reti. In sostanza, il Pug dovrà essere in grado di conciliare il miglioramento della qualità della vita con le esigenze di sviluppo economico, giustizia sociale e qualità ambientale. Il prossimo appuntamento è in programma l’11 ottobre. Sarà il turno dei cittadini e delle associazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comunicato