• mercoledì , 30 Novembre 2022

Lecce - 29 Ott 2022

Prevenzione tumori infantili, Lilt: “Abbiamo il dovere di offrire un ambiente sano”

Si è svolto oggi sabato 29 ottobre, nel Centro Ecotekne dell’Università del Salento, il XV Corso Lilt Lecce “Ambiente e Salute”


Spazio Aperto Salento

“Ormai da tempo sappiamo che i tumori si sviluppano non solo su base genetica, ma anche e soprattutto a causa delle condizioni ambientali: è quindi nostro dovere e responsabilità offrire un ambiente sano ai bambini, già a partire dalle fasi gestazionali e pre-gestazionali”. È questo il messaggio forte e chiaro lanciato dagli oncologi Carmine Cerullo e Giuseppe Serravezza, rispettivamente presidente e responsabile scientifico della Lega contro i Tumori (Lilt) di Lecce,  nell’ambito del XV Corso di aggiornamento “Ambiente e Salute”, organizzato in collaborazione con l’associazione “Lorenzo Risolo” e dedicato, per la prima volta, al tema “I tumori infantili e la prevenzione possibile”.

Aula gremita di studenti e docenti, questa mattina, nel centro Ecotekne dell’Università del Salento, per l’attesa lectio del professore Silvio Garattini, fondatore e presidente dell’Istituto di Ricerche farmacologiche “Mario Negri”, autorità riconosciuta a livello mondiale nel campo della medicina e della ricerca scientifica.

“I successi delle nuove terapie per curare molte malattie – ha spiegato il farmacologo – hanno alimentato un mercato della medicina in continua crescita che ha fatto dimenticare il valore della Prevenzione. È quindi necessaria una grande rivoluzione culturale basata sulla convinzione che la maggioranza delle malattie croniche e dei tumori non piovono dal cielo, ma sono evitabili attraverso le buone abitudini di vita e la cura dell’ambiente. Il diritto alla salute si deve accompagnare al dovere di mantenere la salute, a proprio vantaggio, ma anche come atto di solidarietà per la sostenibilità del Servizio Sanitario Nazionale”.

Garattini, che compirà 94 anni il prossimo 12 novembre, collabora da diversi anni con la Lilt di Lecce per vari progetti scientifici ed è molto legato al Salento, terra in cui vissero i suoi nonni: per questa ragione, domani 30 ottobre, riceverà la cittadinanza onoraria dal Comune di Matino.

I lavori di “Ambiente e Salute”, coordinati dalla giornalista Tiziana Colluto, si sono aperti con i saluti  del professore Giuseppe Nicolardi dell’Università del Salento, il quale ha sottolineato la necessità di un impegno comune su questo fronte, ricordando i filoni di ricerca sulla cancerogenesi portati avanti dall’Ateneo. Poi è intervenuto l’assessore regionale alla Salute, Rocco Palese.

“Dobbiamo offrire ai giovani – ha detto l’assessore regionale rivolgendosi agli studenti presenti in sala – l’esempio di un eroe nazionale come il professore Garattini, la sua storia di conoscenza, competenza e coraggio, quella di un grande servitore dello Stato. Il tema dei tumori infantili è delicato, ma occorre parlarne di più – ha aggiunto – perché è fin troppo evidente che abbiamo aree a rischio nel nostro territorio, lo Stato deve occuparsene e non dobbiamo continuare a girare intorno al problema”.

A proposito del problema delle liste d’attesa, infine, l’assessore Palese ha ribadito che “servono molte più risorse, perché siamo in una situazione straordinaria, con migliaia di screening ed esami oncologici che sono stati rinviati a causa della pandemia”.

Dopo l’introduzione del presidente Lilt Lecce Carmine Cerullo, ha preso la parola Valerio Cecinati, direttore dell’Unità di Pediatria e Oncoematologia pediatrica “Nadia Toffa” dell’ospedale “S.S. Annunziata di Taranto”, per accendere un faro sul ruolo dell’inquinamento ambientale nella città e provincia di Taranto, fornendo un quadro aggiornato sui tumori infantili: “Ogni anno in Italia 1380 bambini e 780 adolescenti si ammalano di cancro – ha sottolineato – con un trend stabile per i bambini e in lieve crescita per gli adolescenti (dati Airtum). Lo Studio Sentieri del Ministero della Salute, nelle sue edizioni del 2015 e 2019, ha evidenziato nella Città e Provincia di Taranto il rapporto tra inquinamento ambientale e tumori nell’età compresa tra 0 e 19 anni. L’edizione 2018 dello stesso studio riportava, a Taranto, un incremento del 54% di tumori infantili rispetto alla media regionale. In particolare, risultavano incrementi significativi per la fascia di età 0-14 anni per leucemie, linfomi e sarcomi dei tessuti molli. Nella più recente edizione del 2019, lo studio Sentieri registrava un incremento del 30% dell’incidenza di neoplasie in età evolutiva rispetto alla media regionale. Anche un ulteriore documento pubblicato nel 2021 a cura del Registro Tumori della Regione Puglia (Tumori infantili in Regione Puglia) ha riportato un’incidenza aumentata dei tumori infantili nella provincia di Taranto rispetto alle altre province in un periodo di osservazione compreso tra il 2006 e il 2017, con tassi più alti per leucemie, linfomi, tumori del sistema nervoso centrale e tessuti molli”.

Amara la conclusione del medico tarantino: “Questi sono dati con numeri fortunatamente piccoli, che comunque sottolineano come tra i bambini, gli adolescenti e i giovani adulti una parte significativa dei tumori sia ascrivibile all’inquinamento ambientale. Gli stessi dati suggeriscono la responsabilità collettiva e delle istituzioni nella Prevenzione di queste malattie, attraverso politiche che mettano al centro la Salute dell’Ambiente strettamente connessa a quella dei Bambini, che saranno gli adulti del futuro. Perché anche se un solo bambino si ammala di cancro a causa dell’inquinamento, questo rappresenta una sconfitta per tutti noi”.

Il convegno Lilt si è concluso con l’intervento della giornalista d’inchiesta Valentina Petrini, autrice del libro sull’Ilva di Taranto “Il cielo oltre le polveri”, nell’ambito di un confronto con l’oncologo Serravezza e Sonia Chetta, presidente dell’associazione “Lorenzo Risolo” di Trepuzzi, che da anni si occupa di offrire supporto e assistenza ai bambini oncologici salentini e alle loro famiglie.

“La tendenza che sta prendendo piede – ha evidenziato Petrini – è sostituire transizione ecologica con sicurezza energetica, ma non può esserci sicurezza energetica senza transizione ecologica. Le ragioni sono economiche ma anche sanitarie. Il giornalismo deve presidiare con inchieste puntuali, libere e appassionate l’urgenza di squarciare il silenzio sul rapporto tra inquinamento e salute”.

 

Foto in alto: un momento del Corso di aggiornamento “Ambiente e Salute”

 

(Da sin.) Sonia Chetta, Giuseppe Serravezza, Valentina Petrini, Valerio Cecinati, Silvio Garattini, Carmine Cerullo

Silvio Garattini

Valerio Cecinati

Rocco Palese (al centro), Giuseppe Nicolardi, Carmine Cerullo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comunicato