• domenica , 17 Ottobre 2021

Emergenza epidemiologica - 11 Apr 2021

Salice, ritardi sull’avvio del Centro vaccinale: i Medici di base replicano al sindaco

Dopo le dichiarazioni diffuse oggi tramite YouTube, i Medici accusano Rosato di aver “cercato di far passare il messaggio che i Medici di base abbiano responsabilità rispetto al problema”


Spazio Aperto Salento

«Il sindaco, nel tentativo di giustificare i ritardi che l’Amministrazione comunale ha accumulato in questi mesi nell’individuare uno stabile da adibire a Centro vaccinale, in maniera volutamente poco chiara ha cercato di far passare il messaggio che i Medici di base di Salice abbiano una qualche responsabilità rispetto alla mancata risoluzione del problema». È questa la pronta replica dei Medici di base di Salice Salentino alle affermazioni del sindaco Tonino Rosato il quale, intorno alle 13 di oggi, ha diffuso un videomessaggio tramite YouTube.

Rosato, che con la sua iniziativa intendeva rigettare specifici attacchi sui social dell’opposizione, ha spiegato le ragioni che avrebbero determinato il “temporaneo” mancato avvio del Centro vaccinale (che però, ha assicurato, sarà pronto nei prossimi giorni). In sostanza il sindaco ha ripercorso tutte le fasi dell’iter iniziato già nella prima metà di febbraio. Fra queste anche quella riguardante una nota da lui inviata ai Medici di base con la quale ha richiesto l’utilizzo del Poliambulatorio di via Veglie. Quest’ultimo passaggio non è stato di gradimento da parte dei Medici di base.

«Il sindaco – sostengono i Medici che effettueranno le vaccinazioni – nel ripercorrere i suoi tentativi infruttuosi finalizzati all’individuazione di una struttura idonea, addirittura esibendo le lettere inviate all’Asl che attestano i suoi insuccessi, nel suo videomessaggio ha poi fatto riferimento anche alla sua nota inviata ai Medici di base con la quale chiedeva la disponibilità del nostro Poliambulatorio privato di via Veglie. È vero che ha accennato alla risposta da noi data attraverso la coordinatrice del gruppo dottoressa Maria Giovanna Fina, senza però sottolineare sufficientemente i motivi che oggettivamente non consentono di utilizzare la struttura quale Hub vaccinale. E i motivi erano, e sono, di impedimento assoluto rispetto alla destinazione proposta dal sindaco. Prima di tutto l’immobile ha una sola entrata, ha una sala d’attesa piccola e non ha spazi connessi all’espletamento del servizio specifico, idonei anche sotto l’aspetto igienico-sanitario. Il Poliambulatorio di Salice, insomma, non ha la dimensione, gli spazi, le caratteristiche strutturali ed organizzative del Poliambulatorio comunale di Guagnano e degli altri paesi limitrofi, dove già risulta avviata o di prossimo avviamento la campagna di vaccinazione».

«Soprattutto – aggiungono i Medici – il sindaco avrebbe dovuto meglio sottolineare che la dottoressa Fina, a nome dei Medici di base di Salice, in data 12 marzo ha inviato una nota con la quale chiedeva “che venga messa a disposizione una struttura comunale per l’espletamento della vaccinazione Covid a favore della popolazione di Salice”. Nella stessa lettera la dottoressa chiedeva anche un’urgente risposta affermativa “dovendo dare comunicazione al Distretto di Campi Salentina”, aggiungendo “che per le persone non deambulanti abbiamo dato disponibilità alle vaccinazioni al domicilio delle stesse”. Da allora, nessun riscontro abbiamo avuto dal sindaco, nonostante le nostre sollecitazioni. Eppure la soluzione era molto semplice: utilizzare una palestra scolastica come Centro vaccinale, esattamente come avvenuto per le vaccinazioni del personale scolastico. Il sindaco solo alla metà della scorsa settimana ha finalmente deciso di proporre la palestra di via Roselli, ritenuta tempestivamente idonea dal Direttore sanitario a seguito di sopralluogo. Questa è la verità. È desiderio di noi Medici, pertanto, rassicurare tutta la cittadinanza di Salice circa la nostra piena disponibilità rispetto ad un servizio che riteniamo fondamentale per fronteggiare l’emergenza epidemiologica. Un’emergenza che riguarda tutti da lunghissimi mesi, nessuno escluso. Da parte dei medici di Salice non mancherà mai l’assistenza e il supporto che tutti i nostri cittadini si aspettano».

© Riproduzione riservata

Foto in alto: il Poliambulatorio di Salice in via Veglie