• sabato , 18 Settembre 2021

Ambiente - 29 Apr 2021

Sit-in di protesta contro il mega eolico nelle campagne di Salice e Veglie

Appuntamento sabato 1 maggio alle 10.30 nei pressi del Borgo di Monteruga. La manifestazione è stata promossa dal Movimento Regione Salento


Spazio Aperto Salento

“Basta sfregi al nostro territorio”. Il Movimento Regione Salento promuove un sit-in di protesta nelle campagne tra Salice, Veglie e Guagnano, alle 10.30 di sabato 1 maggio, nei pressi del Borgo di Monteruga, sulla strada provinciale 109 per Nardò.

L’obiettivo è quello di opporsi al progetto di due mega impianti eolici, attualmente sottoposti a procedura di Valutazione di impatto ambientale presso il Ministero dell’Ambiente.

Paolo Pagliaro, consigliere regionale e leader del Movimento Regione Salento, spiega: “La nostra sarà una grande manifestazione libera e aperta a tutti, per gridare un no netto e deciso a questo mega parco eolico costituto da 21 pale, con 7 aereogeneratori su un versante e 14 sull’altro, alti complessivamente circa 220 metri per una capacità totale di 126 megawatt”.

“Questo è un nuovo grande pericolo – aggiunge Pagliaro – che provocherebbe l’ennesimo sfregio ai danni del Salento e del suo paesaggio. La Puglia, per quanto concerne fotovoltaico ed eolico, è la regione italiana con il maggior numero di impianti, dunque non c’è nessuna necessità di continuare a sfruttare e abusare di un suolo il cui utilizzo è per scopi agricoli e turistici. Sono due le società, delle cosiddette energie pulite, che hanno presentato a febbraio la richiesta di Valutazione di impatto ambientale al Ministero per l’Ambiente, documento propedeutico all’autorizzazione per l’installazione delle 21 pale. Basta sfregi al Salento, stop alla devastazione dei nostri terreni agricoli produttivi: questo il messaggio di un territorio già ampiamente sfruttato in modo scriteriato”.

La manifestazione, stando al programma degli organizzatori, si svolgerà nel rigoroso rispetto di tutte le norme anti Covid.

© Riproduzione riservata

In foto: il consigliere regionale Paolo Pagliaro