• giovedì , 22 Febbraio 2024

Evento - 04 Dic 2023

Torna a Lecce “Vive le cinéma”

Appuntamenti dal 6 a 10 dicembre al Teatro Paisiello, al Museo Castromediano e alle Officine Culturali Ergot


Spazio Aperto Salento

Torna, all’interno di Apulia Cinefestival Network, il Festival del Cinema Francese “Vive le Cinéma” (VIII edizione), organizzato e diretto dagli operatori culturali Angelo Laudisa, Alessandro Valenti e Brizia Minerva. La kermesse, unica nel suo genere in tutto il Meridione, si svolgerà a Lecce da mercoledì 6 a domenica 10 dicembre 2023, fra il Teatro Paisiello di via Palmieri, nei pressi di Porta Napoli, il Museo “Sigismondo Castromediano” di viale Gallipoli, e le Officine Culturali “Ergot” di piazzetta Falconieri, a pochi passi da piazza Duomo.

Come per le passate edizioni, la manifestazione presenta il meglio del Cinema Transalpino contemporaneo, ma anche talk con ospiti di primo piano quali la regista paladina della battaglia per i diritti civili in Iran, Sepideh Farsi, e lo sceneggiatore Javad Djavahery, entrambi impegnati nel lungometraggio di animazione (in concorso) “La siréne”, nonché appuntamenti musicali, incontri di critica cinematografica ed  intersezioni con altre arti visive.

Il grosso delle proiezioni (lungometraggi, documentari e corti), quasi tutte in anteprima nazionale e lingua originale con sottotitoli in italiano, si terrà nel Paisiello, dalle ore 19 a mezzanotte. Previste anche due Sezioni Speciali: “Spazi aperti della visione” nel Museo “Castromediano” (8-10 dicembre, dalle ore 11 alle 13), e “Dallo schermo alla pagina” nelle Officine “Ergot” (7, 8 e 9 dicembre alle ore 17.30). La prima è dedicata agli artisti che esplorano le pratiche contemporanee dell’immagine in movimento, la seconda, ad approfondimenti tematici sulla critica cinematografica. Entrambe, coinvolgeranno gli studenti dell’Accademia di Belle Arti, del corso di laurea in Dams, del corso di laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione audiovisiva dell’Università del Salento, e dei licei Palmieri e Siciliani.

Fra gli altri ospiti, la regista Mathias Gokalp con la pellicola, pure questa in concorso per i lungometraggi, “L’établi”; Philip Martin Lacroix con “Le fil”, che è invece in concorso per i cortometraggi; l’attrice, regista e cantante Camélia Jordana, anch’ella impegnata nella battaglia per la difesa dei diritti civili, ed in prima linea in Francia nel Movimento del Black Lives Matter; Maria Blickarska, cofondatrice di Black Productions  e membro della European Film Academy e dell’Union of Independent Producers, e Luca Bandirali, docente UniSalento di Cinema, fotografia e televisione, che dialogherà proprio con Blickarska, in occasione della masterclass di venerdì 8 dicembre alle ore 12 al “Castromediano”, su: “Le cooproduzioni europee. Fare film di frontiera”.

Per giovedì 7 alle ore 19, sempre al Paisiello (replica la mattina di sabato 9 al “Castromediano”), è previsto l’evento speciale “The last supper. La céne”, video-performance di Romina de Novellis, incentrata sulla fase finale di un lavoro che indaga la violenza ambientale e di genere,  girato a Galatina a luglio 2021 in una campagna di olivi disseccati dalla xylella. Per la prima volta in questa edizione, il Festival presenta pure, nei locali delle Officine “Ergot”, l’iniziativa “Déjà vu”, che tutti i giorni, dalle 19.30 a mezzanotte, consentirà di assistere alla proiezione delle opere selezionate nelle passate edizioni di “Spazi aperti della visione”. Nelle stesse Officine, inoltre, giovedì 7, a partire alle ore 22, live-set di Larssen in “Musica Ficta”, che ripropone remixate in chiave disco, le composizioni del producer e musicologo Gabriele Panico.

“Vive le Cinéma” si deve a Regione Puglia, Apulia Film Commission ed Aret Puglia Promozione, con il sostegno di Comune e Polo Biblio-museale di Lecce e la collaborazione di Provincia di Lecce, Università del Salento, Accademia di Belle Arti, corsi di laurea in Dams e laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione audiovisiva, Museo “Castromediano” ed Officine “Ergot”.

Lungometraggi: ”Sidonie su Japon” di Elise Girard (fuori concorso), in anteprima assoluta per Italia e Francia; “La siréne” di Sepideh Farsi; “L’établi” di Mathias Gokalkp; ”L’été dernier“ di Catherine Breillat; “Le théorème de Marguerite” di Anna Novion; “We have a dream” di Pascal Plisson; “Nos Corps” di Claire Simon; ”Lea àmes perdues” di Stéphane Malterre e Garance Le Caisne;

Cortometraggi: “Maria Schneider 1983” di Elisabeth Subrin; “Partir un jour” di Amélie Bonnin; “La vie sexuelle de mamie” di Urska Djukic; “Les  corneilles blanches“ di Denis Liakhov; ”Tout rime avec caos” di Baptiste Petit-Gats; “Le fil” di Philip Martin Lacroix. Il programma giornaliero del Festival, è visionabile su: www.vivelecinema-festival.com.

Toti Bellone
© Riproduzione riservata

 

 Foto in alto: Lecce, Teatro Paisiello