• mercoledì , 30 Novembre 2022

Calcio/Serie A - 02 Ott 2022

Un Lecce opaco ringrazia Falcone e pareggia contro la Cremonese

Finisce 1-1 il match casalingo di oggi pomeriggio. Commento di Adolfo Starace


Spazio Aperto Salento

Al “Via del Mare” finisce in parità, 1-1, lo scontro salvezza tra Lecce e Cremonese, al termine di una gara combattuta e decisa nel primo tempo da due ineccepibili rigori. Non è stato il solito Lecce, quello visto oggi, anzi il punto conquistato dagli uomini di Baroni è oro colato perché la Cremonese ha giocato una buona gara, mettendo spesso in difficoltà i giallorossi. A volerla dire tutta solo l’imprecisione degli avanti grigiorossi e un paio di ottime parate di Falcone hanno permesso al Lecce di non capitolare davanti ai propri sostenitori.

Il tecnico Alvini azzecca tutte le mosse grazie alla puntuale pressione sulle fasce che non consente a Strefezza e Banda di ripartire velocemente in contropiede. Inoltre, a centrocampo, Pickel controlla e limita il raggio di azione di Hjulmand, costringendo i giallorossi a giocare palle sporche e poco efficaci. La cronaca nel primo tempo fa registrare un certo equilibrio ma si capisce subito che i giallorossi hanno difficoltà per creare gioco.

In avanti la Cremonese si affida ai centimetri di Ciofani che riesce spesso a far salire la sua squadra che si rende pericolosa con gli inserimenti di Okereke e Zanimacchia. Ed è proprio un inserimento di Okereke lanciato da Ascacibar a costringere Falcone ad atterrare l’attaccante ospite. Sul dischetto va Ciofani che realizza al 19′ il gol del vantaggio.

Un quarto d’ora più tardi Zanimacchia approfitta di un errore difensivo e non trova il raddoppio per l’intervento provvidenziale di Falcone. Al 42′, a parti invertite, Okereke chiude con un fallo in area di rigore su Gendrey, un ottimo scambio con Strefezza. Il brasiliano dal dischetto non sbaglia e realizza il suo personale terzo gol in campionato.

Nel secondo tempo Baroni lascia negli spogliatoi Colombo e manda in campo Ceesay, ma la musica non cambia per i giallorossi. È sempre la Cremonese a fare la gara anche se non si rende pericolosa. Poi al 15′ si fa male Gallo che viene sostituito da Pezzella e, successivamente, entrano Blin e Bistrovic nelle fila del Lecce per dare nuova linfa al centrocampo.

Al 27′ l’occasione per la Cremonese di passare in vantaggio: errore di Baschirotto e tiro a botta sicura di Okereke (sempre lui, nel bene e nel male) ma Falcone si guadagna la palma del migliore in campo con una gran parata. Nel finale il Lecce chiude in attacco ma la Cremonese tiene bene e porta a casa un pareggio più che meritato per quanto visto oggi.

 Adolfo Starace
© Riproduzione riservata

 

LECCE (4-3-3): Falcone; Gendrey, Pongracic, Baschirotto, Gallo (16′ st Pezzella); Gonzalez (25′ st Bistrovic), Hjulmand, Askildsen (25′ st Blin); Strefezza (38′ st Di Francesco), Colombo (1′ st Ceesay), Banda. A disposizione: Bleve, Dermaku, Cetin, Helgason, Listkowski, Oudin, Voelkerling, Umtiti, Rodriguez. Allenatore: Baroni.

CREMONESE (4-2-3-1): Radu; Sernicola, Bianchetti, Lochoshvili, Valeri (29′ st Quagliata); Ascacibar (20′ st Meitè) Castagnetti; Zanimacchia (38′ st Bonaiuto), Pickel, Okereke (29′ st Felix); Ciofani (20′ st Dessers). A disposizione: Carnesecchi, Saro, Aiwu, Vasquez, Baez, Ghiglione, Acella, Escalante Milanese, Tsadjout. Allenatore: Alvini.

Marcatori: 19′ pt Ciofani (rig.) – 42′ pt Strefezza (rig.).

Arbitro: Marinelli di Tivoli.