• mercoledì , 24 Luglio 2024

Estate 2024 - 21 Giu 2024

Bandiera “5 Vele” 2024, a Gallipoli il riconoscimento di Legambiente e Touring Club


Spazio Aperto Salento

Ancora un riconoscimento per il Comune di Gallipoli: dopo la Bandiera Blu, ottenuta per il secondo anno consecutivo, questa mattina, venerdì 21 giugno 2024, a Roma, sono state annunciate le località che potranno vantare le “5 Vele” di Legambiente e Touring Club Italiano per l’estate 2024.  Gallipoli rientra così nelle località più belle e meritevoli d’Italia, attente all’ambiente, oasi incontaminate simbolo della biodiversità, luoghi in cui tuffarsi in un mare cristallino per una vacanza in una natura curata e protetta.

“Questa mattina – commenta il sindaco Stefano Minerva – abbiamo avuto, ancora una volta, la conferma del nostro lavoro che continua a portare risultati straordinari e tangibili. Le 5 Vele sono sinonimo di forza, Gallipoli si conferma protagonista della Puglia”.

A ritirare il prestigioso riconoscimento Tony Piteo, vicesindaco con delega al turismo: “Sappiamo tutti che il nostro mare è straordinario, ma quando arrivano questi premi tangibili, allora tutto assume ancora forma. Per me è stata una grande emozione quella di oggi, Gallipoli è una delle poche località in tutta Italia a ricevere questo riconoscimento. Questo non è possibile solo grazie alla bellezza innata della nostra terra, ma anche alla capacità di saper indirizzare una politica rivolta alla tutela e alla salvaguardia delle stesse bellezze”.

Aggiunge Rossana Nicoletti, consigliera delegata all’ambiente: “Non possiamo che essere soddisfatti per questo nuovo risultato raggiunto. Le Cinque Vele assegnate alla nostra città, dopo la Bandiera Blu, rappresentano il massimo riconoscimento per la capacità di coniugare bellezza del paesaggio con la qualità delle acque e la corretta gestione del territorio. Questo ci rende felici e sottolinea come il lavoro che stiamo facendo come amministrazione a livello di ambiente, di tutela e di valorizzazione, stia dando i giusti frutti”.

 

Leggi anche:

Cinque Vele, Nardò ancora tra le 21 “eccellenze” d’Italia