• mercoledì , 30 Novembre 2022

Poesia - 28 Ott 2022

Guagnano, Luigi Palazzo presenta “Bar Samarcanda”


Spazio Aperto Salento

Un altro appuntamento di “Raccogliere: voci, storie, esperienze”, la rassegna letteraria della “Biblioteca del Negroamaro e delle Terre d’Arneo” di Guagnano, promossa dal gestore della struttura, Cooperativa sociale “Imago”, e dall’Assessorato comunale alla Cultura.

Oggi venerdì 28 ottobre, alle 18.30, nella sala convegni della Biblioteca, Luigi Palazzo presenterà il suo secondo libro “Bar Samarcanda” (Edizioni Transeuropa/Nuova poetica, 2021, pagg. 91), una silloge con 55 composizioni. Dialogherà con l’autore Valentina Perrone.

Palazzo, avvocato, attuale consigliere delegato alla Cultura del Comune di Salice, ha già pubblicato la raccolta di poesie “Non raccontarmi il cielo” (Manni, 2019).

Luigi Palazzo

Nella recensione pubblicata da Spazio Aperto Salento il 19 ottobre 2021 (“Bar Samarcanda”, la poesia realistica di Luigi Palazzo), Antonio Scandone fra l’altro scrive: “In questa raccolta, in effetti, si delineano, in sequenza, i drammi contemporanei dell’alienazione, della disoccupazione, dello straniamento delle proprie idealità e dei propri progetti, della solitudine e dell’incomunicabilità, dell’appiattimento sulla dimensione dell’inconsistenza, e soprattutto sull’oscuramento dell’orizzonte del futuro dei giovani. E non solo (…). Il tutto rappresentato con una tecnica compositiva nuova e originale, che agevolmente si può definire cinematografica. Confermata fra l’altro dalla stessa scansione distributiva delle varie parti: Piano sequenza, Intermezzo, Soggettive, Epilogo. Pagina dopo pagina si assiste, infatti, ad una ampia carrellata panoramica su tutto l’interno del locale, sull’ambiente del Bar Samarcanda, per una ricognizione generale delle presenze e delle movenze di ciascun gruppo umano”.

Il programma della serata (ingresso libero) prevede anche una degustazione di vino della Cantina “Taurino”. (red.)

© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: una sala della “Biblioteca del Negroamaro e delle Terre d’Arneo”