• lunedì , 27 Settembre 2021

Progetto - 04 Set 2021

La Regione finanzia la redazione del Piano di mobilità ciclistica di sei Comuni del Nord Salento

Novoli, Campi Salentina, Guagnano, Squinzano, Salice e Trepuzzi hanno ottenuto 50mila euro per la predisposizione del “Piano…in Bici”  


Spazio Aperto Salento

Finanziata dalla Regione la redazione del Piano di mobilità ciclistica di sei Comuni del Nord Salento (importo complessivo assegnato 50mila euro). Il progetto è stato presentato lo scorso marzo da Novoli, capofila, e dai Comuni di  Campi Salentina, Guagnano, Squinzano, Salice e Trepuzzi, nell’ambito dell’apposito Bando pubblico (V Programma di Attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale). Surbo, che assieme ai suddetti Enti locali forma l’Unione dei Comuni del Nord Salento, non ha potuto aderire al progetto in quanto non confinante con gli altri territori interessati.

Soddisfazione per il risultato ottenuto è stata espressa dal sindaco di Novoli Marco De Luca (in foto), attualmente anche presidente dell’Unione, e dall’assessore Tonio Roma. Quest’ultimo ha coordinato le fasi per la redazione della documentazione inviata alla Regione Puglia insieme ai dirigenti degli uffici tecnici di Novoli, ingegnere Giuseppe Carrone, e di Campi Salentina, architetto Riccardo Taurino, d’intesa con le strutture tecniche degli altri Comuni. Il progetto è stato denominato “Piano…in Bici”.

“L’obiettivo del conseguimento di una mobilità sostenibile – spiega Marco De Luca – per tutte le Amministrazioni coinvolte è diventato prioritario per il futuro dell’area. Si tratta di una nuova strategia di governance territoriale fondata sulla coesione territoriale e istituzionale, lo sviluppo delle reti e dei servizi di trasporto, con un approccio nuovo e funzionale, mirato a soddisfare le reali esigenze di mobilità dei nostri concittadini e ad ampliare l’accessibilità alle funzioni di vita associata e culturale del territorio, oltreché a garantire la sostenibilità economica del sistema. Purtroppo – conclude De Luca – la richiesta di finanziamento non poteva essere presentata come Unione dei Comuni del Nord Salento di cui fa parte anche Surbo, ma solo da un’eventuale associazione di Comuni territorialmente confinanti. Motivo per cui Surbo, pur condividendo l’idea progettuale, non ha potuto aderire al progetto” .

Secondo l’Assessore Tonio Roma, attraverso la redazione del Piano, “si può programmare un efficace ed efficiente sistema di pista ciclabile e cicloturistica, che rappresenti uno degli elementi culturali determinanti per la crescita e la competitività delle nostre città e, di conseguenza, per un miglioramento della qualità della vita e dell’ambiente ed incentivare l’uso delle biciclette, inteso quale mezzo ecologico per eccellenza, soprattutto per brevi spostamenti”.

Di seguito le dichiarazione degli altri sindaci interessati.

Giuseppe Taurino: “Questo premia quanto già realizzato negli anni scorsi sul territorio dell’area urbana del Nord Salento e rappresenta un nuovo stimolo per continuare a perseguire un modello di mobilità dolce, attraverso un disegno evoluto e innovativo di una rete ecologica di percorsi ciclabili, sicuri e interconnessi con altre modalità di trasporto, servizi e strutture dedicate, nonché la diffusione di zone con limite di velocità massima consentita di 30 km/h e di zone a traffico limitato, nonché ogni altro provvedimento volto a creare alternative all’utilizzo dell’autoveicolo in zone urbane”.

Claudio Maria Sorrento: “Il tema della Pianificazione del trasporto urbano sostenibile implica delle scelte che riguardano fortemente la società nel suo insieme: si decide del futuro ambientale, economico, sociale e culturale delle nostre città non solo di trasporti, infrastrutture e servizi”.

Tonino Rosato:Con l’approvazione del finanziamento, si vuole dare avvio ad un percorso di pianificazione, programmazione e riorganizzazione nel settore della mobilità e dei trasporti, attraverso la redazione di un Piano di mobilità ciclistica, come piano di settore e propedeutico anche per la redazione del Piano urbano della mobilità sostenibile”.

Alfredo Fina:  “Lo scopo è quello di valorizzare le città e rendere questa parte di territorio attrattivo e competitivo, ben collegato con il resto del territorio, dove mobilità urbana e sviluppo degli attrattori culturali rappresentano gli asset fondamentali da cui far derivare un sistema di mobilità dolce e cicloturistica, al fine di apportare un efficace miglioramento al sistema; questo proprio perché si ritiene che un efficiente sistema di trasporti rappresenti uno degli elementi “culturali” determinanti per la crescita delle nostre città”.

Al progetto ha aderito anche la “Commissione Straordinaria del Comune di Squinzano” (formata da Beatrice Agata Mariano, Angelo Caccavone e Vincenzo Calignano), che ha condiviso le finalità del bando regionale “per uno sviluppo sostenibile del territorio che valorizzi le soluzioni alternative all’uso dell’automobile e al contempo  migliori la sicurezza stradale”. (red.)

© Riproduzione riservata