• martedì , 18 Gennaio 2022

Lecce - 03 Nov 2021

Un busto dedicato alla memoria di Teodoro Pellegrino

L’intellettuale e studioso salentino, fra i fondatori della “Libera Università di Lecce”, sarà ricordato domani, giovedì 4 novembre 2021, alle 9, nel salone della Biblioteca Interfacoltà di Unisalento


Spazio Aperto Salento

La figura di Teodoro Pellegrino, direttore della Biblioteca provinciale “Nicola Bernardini” di Lecce dal 1935 al 1973 e fra i massimi studiosi della cultura e della storia del Salento, verrà ricordata giovedì 4 novembre 2021, in occasione dello svelamento del busto commissionato dai familiari al maestro scultore e pittore Vito Russo, 73 anni, di Salve. La cerimonia si svolgerà alle ore 9 nel salone della Biblioteca Interfacoltà dell’Università del Salento, in via Di Valesio, nei pressi di Porta Napoli a Lecce.

Nato a Brindisi nel 1908 e laureatosi in Giurisprudenza a Bari, Teodoro Pellegrino è morto nel 1985 nel capoluogo salentino, all’età di 77 anni. A lui, che nel 1955 fu tra i fondatori della Libera Università di Lecce, nonché ideatore della creazione dell’Accademia di Belle Arti inaugurata nel 1960 e curatore dell’Emeroteca storica salentina, è intitolata, dal 2001, proprio la Biblioteca interfacoltà.

Oltre che valente studioso ed animatore della “sua” Biblioteca nata nel 1863 e ritenuta da Guido Piovene (Vicenza 1907, Londra 1974), nel suo libro “Viaggio in Italia” del 1957, “tra le migliori del Sud”, Teodoro Pellegrino, medaglia d’oro del Ministero della Pubblica Istruzione, fu attento giornalista.

Memorabili i suoi interventi domenicali sulla Gazzetta del Mezzogiorno  guidata dal compianto Domenico Faivre, in cui scrutandola dalla finestra della sua casa con affaccio sull’Anfiteatro romano, argomentava della città del barocco. Notevoli anche gli scritti  consegnati da laico illuminato, ai fogli della Curia arcivescovile leccese, L’Ora del Salento e Rosso di Sera. Fra gli altri argomenti, da intellettuale moderno e profetico, sulla stessa Gazzetta trattò uno dei temi ai quali restò legato per tutta la vita: la creazione a Lecce, con il coinvolgimento di 22 Stati, dell’Università di studi umanistici del Mediterraneo.

Alla cerimonia presieduta dal rettore Fabio Pollice, assieme ai figli Stefano, avvocato, docente di religione e musicista; Paolo, avvocato ed uomo politico; Piero, docente universitario di Diritto Canonico, e Caterina, dirigente scolastica, prenderà parte anche la moglie, donna Concetta Pedìo, che veleggia verso il 105esimo compleanno.

Impegnati fuori regione per motivi di lavoro e di studio, Francesco ed Andrea, figli di Caterina. Saranno presenti, invece, i nipoti Teodoro ed Enrico, figli di Stefano; Riccardo ed Edoardo, figli di Paolo.

Toti Bellone
© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: Teodoro Pellegrino

 

Un’altra immagine di Teodoro Pellegrino

La biblioteca interfacoltà

Biblioteca Interfacoltà, busto di Teodoro Pellegrino