• mercoledì , 24 Luglio 2024

Estate 2024 - 05 Lug 2024

Via alle attività del progetto “Il mare di tutti”

Il progetto di fisioterapia in mare per persone con patologie neurodegenerative, è stato presentato ieri, giovedì 4 luglio, a Lecce, presso Palazzo Adorno. Da lunedì prossimo saranno tre i punti a disposizione degli utenti: Lido Coiba a San Foca, Lido Conchiglie a Gallipoli e Spiaggia dei cavalli a Mancaversa


Spazio Aperto Salento

Ritorna “Il mare di tutti”. Si svolgerà da lunedì 8 luglio al 30 settembre 2024, la settima edizione del progetto di fisioterapia a mare e talassoterapia dedicato a chi è affetto da sclerosi multipla, Sla e patologie neurologiche. Promossa dall’associazione Sclerosi Multipla Associazione Italiana Sunrise Onlus (Smaiso) guidata dalla presidente Maria De Giovanni, l’iniziativa verrà realizzata con il patrocinio di Provincia di Lecce e Asl Lecce e in collaborazione con i Comuni di Gallipoli, Taviano, Matino, Parabita e Melendugno.

Accanto al progetto, anche CardioMed Maglie, Ordine dei Medici Lecce, Fidapa Gallipoli, Banca Popolare Pugliese, Associazione Nazionale Donne Medico, Credito Cooperativo di Terra d’Otranto, Associazione “Alessia Pallara”, Natural is Better, Sanità che cambia, Accademia di estetica di Anna Chiriatti.

Anche per l’edizione 2024, saranno tre i punti di approdo per gli utenti: Lido Coiba a San Foca, Lido Conchiglie a Gallipoli e Spiaggia dei cavalli a Mancaversa. Sulle spiagge attrezzate, con i volontari, ci saranno sedie mare, attrezzatura fisioterapica e una sedia cingolata particolarmente utile alle attività, donata dalle associazioni Soroptimist, Donne Medico e Inner Wheel di Lecce. Novità per l’edizione 2024 sarà la possibilità di portare anche gli amici a 4 zampe. Il progetto 2024 è stato presentato ieri, giovedì 4 agosto, a Palazzo Adorno a Lecce.

“Come Provincia di Lecce – ha detto il presidente Stefano Minerva – continuiamo ad essere orgogliosamente al fianco di questa iniziativa, che dà una mano concreta per far sì che i diritti che leggiamo nella nostra Costituzione si applichino nella realtà. Sosteniamo Il mare di tutti perché crediamo che sia un esempio di modernità nell’offrire a tutti gli stessi diritti e le stesse opportunità. Grazie a Maria De Giovanni, alla sua associazione, a tutti i volontari, a coloro che lavorano per questi risultati, che hanno un impatto straordinario nella vita di chi usufruisce di questi servizi”.

“Ripartiamo sotto una luce diversa –  ha spiegato Maria De Giovanni – con novità che sono il risultato dei feedback degli utenti, per così dire della rendicontazione umana. Altra novità di quest’anno é che tra i nostri collaboratori e partner medici abbiamo anche l’associazione nazionale Donne Medico, con cui stiamo promuovendo diverse iniziative. Non si tratta di fare solo dei bagni in mare, che sono già di per sé una terapia, ma di effettuare dei movimenti che, in assenza di gravità in acqua, danno benefici al pari di una terapia tradizionale per migliorare il movimento della persona affetta da tali malattie. Il mare è il mezzo per aiutare a ritrovare la propria libertà, dove la sclerosi e la Sla non possono attaccare. La fisioterapia a mare è un vero toccasana e chi viene trattato dai nostri specialisti migliora, sia dal punto di vista sanitario, che psicologico”.

Il progetto, unico in tutta Italia, è stato fortemente voluto proprio dalla presidente Smaiso Maria De Giovanni, che da anni combatte con la sclerosi multipla, che ha scritto libri per condividere il suo doloroso percorso, che è commendatore della Repubblica per le sue attività nel sociale, che quest’anno è approdata anche al Parlamento Europeo, dove ha relazionato sulla disabilità e sui diritti delle donne e che ha incontrato il ministro della Disabilità Alessandra Locatelli, portando alla sua attenzione l’iniziativa e le criticità delle persone con disabilità e con patologie neurodegenerative.

Presente all’incontro, il direttore generale Asl Lecce Stefano Rossi: “Queste iniziative – ha sottolineato – vanno a colmare il vuoto che c’è, in termini di servizi alla salute. Il pubblico fa tanto, ma non può fare tutto. Confermo la disponibilità della Asl per dare un servizio aggiuntivo che stiamo valutando rispetto alle richieste degli utenti di questo progetto, che fa fruire loro il mare in modo assistito”.

Sono intervenuti anche Donato De Giorgi, presidente dell’Ordine dei Medici di Lecce, Teresa Chianella, per Fidapa Gallipoli, Luigi Mazzei, testimonial dell’associazione sin dall’avvio del progetto, oltre al personale medico, paramedico e fisioterapico impegnato nel progetto.

Importante, anche per questa settima edizione, la collaborazione con l’Aeronautica Militare di Galatina, grazie al colonnello pilota Vito Conserva, comandante del 61° Stormo e della base aerea di Galatina, che ha messo a disposizione per le attività del progetto il distaccamento di Lido Conchiglie, una struttura logistica nata per addestrare gli allievi ai corsi di sopravvivenza in mare, ma che asseconda anche la vocazione di promuovere attività sociali.

 

La presentazione del progetto (Palazzo Adorno, 4 luglio 2024)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Comunicato