• domenica , 17 Ottobre 2021

San Cesario di Lecce - 13 Ott 2021

“Mana Chuma Teatro” negli storici locali della ex Distilleria De Giorgi

Dal 14 al 16 ottobre, a San Cesario di Lecce, la Compagnia calabrese ospite del progetto "Teatri a sud. Astragali 40 anni di teatro"


Spazio Aperto Salento

Gli storici locali della ex Distilleria De Giorgi di San Cesario, si confermano luogo fra i più deputati ad accogliere le istanze della Cultura di cui da qualche anno in particolare, si nutre il Salento.

Nell’ambito del progetto “Teatri a sud. Astragali 40 anni di teatro”, sostenuto dal Ministero della Cultura e dalla Regione Puglia, da giovedì 14 a sabato 16 ottobre, apriranno le porte al Mana Chuma Teatro di Massimo Barilla e Salvatore Arena (in foto), Compagnia calabrese vincitrice, nel 2019, del Premio della Critica 2019 ANCT, per l’impegno a favore di una nuova drammaturgia e del teatro civile, privilegiando  l’identità culturale e storica del territorio meridionale.

Il primo appuntamento (giovedì 14, ore 20.30, ingresso gratuito) è con “Poesia dal sud del mondo”, produzione nata dalla collaborazione con Astràgali Teatro di Lecce, il suo direttore Fabio Tolledi, il docente universitario Simone Giorgino, lo stesso Massimo Barilla di Mana Chuma, nonché Elizabeth Grech, Roberta Quarta, Hamado Tiemtore e Mauro Tre.

“Il sud, i Sud – si legge in una nota degli organizzatori – sono terra e terre di Poeti straordinari che meritano una grandissima attenzione e un pieno riconoscimento, a dispetto di un facile oblio”.

Per la seconda tappa (venerdì 15, ore 20.30, ingresso gratuito), il teatro di Mana Chuma si misurerà ancora una volta con uno dei suoi “storici” lavori, “Spine”. Scritto e diretto da Massimo Barilla e Salvatore Arena unitamente a Stefania De Cola, Mariano Nieddu e Lorenzo Praticò, narra di tre solitudini mischiate alla pena, e fra i punti cardine annovera l’uso dei dialetti (sardo, siciliano e calabrese), che assurgono al valore di vere e proprie lingue.

L’ultima serata (sabato 16, ore 20.30, ingresso gratuito) verrà dedicata all’opera “Ossa di crita”, un reading-spettacolo che la Compagnia calabrese ha tratto dall’omonimo libro di poesie di Massimo Barilla (Edizioni Mesogea Culture Mediterranee). La scena sarà per lo stesso Barilla,  ma anche per le musiche originali eseguite dal vivo da Luigi Polimeni. Le liriche, scritte in  dialetto reggino e pubblicate con il testo a fronte, raccolgono un percorso ventennale di ricerca, che attraversando il teatro giunge ai versi.

In questo anno 2021, Astrágali Teatro segna i suoi primi 40 anni di attività, e per celebrare l’importante traguardo, ha varato l’iniziativa “Teatri a sud”, che sino a tutto il mese di dicembre, proporrà spettacoli, laboratori, concerti, seminari, una speciale sezione dedicata ai ragazzi, ed ancora, la quarta edizione del Premio Teatrale intitolato alla memoria del fondatore della Compagnia, il regista e giornalista Marcello Primiceri, scomparso prematuramente  nel 1987.

Oltre che nell’ex Distilleria De Giorgi, le iniziative si svolgeranno nella sede di Astragali, in via Candido a Lecce,  e nell’antico Teatro Paisiello, sempre a Lecce.  Per assistere alle serate del Mana Chuma Teatro, la prenotazione è obbligatoria, e potrà essere fatta contattando il numero di cellulare 389-2105991  oppure teatro@astragali.org e  www.astragali.it.

Toti Bellone
© Riproduzione riservata