• mercoledì , 8 Febbraio 2023

Osservatorio Aforisma - 13 Set 2022

Provincia di Lecce, aumentano esportazioni ed importazioni


Spazio Aperto Salento

Aumentano ancora le esportazioni, ma anche le importazioni in provincia di Lecce. È quanto emerge dal nuovo studio condotto dall’Osservatorio Economico Aforisma, diretto da Davide Stasi (in foto), che ha elaborato ed analizzato l’andamento della bilancia commerciale salentina. Dopo un anno da record, anche nel primo e nel secondo trimestre di quest’anno, è cresciuto l’export made in Salento verso i consumatori stranieri, ma anche l’import destinato alle aziende e alle famiglie leccesi. Sul fronte delle esportazioni, dai 252,5 milioni di euro del primo semestre 2020, ai 338,8 milioni del primo semestre 2021, si arriva ai 418,5 milioni del primo semestre di quest’anno.

«Le esportazioni – spiega Stasi – rappresentano un utile indicatore per comprendere lo stato di salute della produzione interna e del commercio mondiale. Attraverso l’andamento dell’export, infatti, si può monitorare la competitività delle aziende della provincia di Lecce e la loro capacità di raggiungere gli altri Paesi che possono rivelarsi strategici per lo sviluppo del territorio. Negli ultimi anni c’è stata una grande richiesta di prodotti agroalimentari, oltre ai macchinari che continuano a rappresentare la quota di mercato preponderante. L’export non è solo un’opportunità in più, ma quasi un obbligo per poter accrescere le quote di mercato. È importante, perciò, presidiare i mercati con più eventi, più guide, più promozioni, più presenze, ma anche attraverso la protezione dei nostri marchi. L’attenzione ai mercati esteri non può che diventare una priorità per le aziende che vogliono crescere, diversificando».

Riguardo ai prodotti maggiormente esportati all’estero, i valori più alti si registrano per macchinari e apparecchiature (182,5 milioni di euro); articoli in pelle (escluso abbigliamento) e accessori (69,2 milioni); prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature (30,5 milioni); articoli di abbigliamento (23,8 milioni); prodotti alimentari (14,7 milioni); prodotti agricoli, animali e della caccia (14,6 milioni); bevande (13,1 milioni); autoveicoli, rimorchi e semirimorchi (9,7 milioni); articoli in gomma e materie plastiche (6,5 milioni); prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (6,4 milioni).

Sul fronte delle importazioni, invece, dai 172,5 milioni di euro del primo semestre 2020, ai 235,9 milioni del primo semestre 2021, si è arrivati ad importare beni per 374 milioni nel primo semestre di quest’anno. Riguardo ai prodotti importati, i valori più alti si registrano per articoli in pelle (escluso abbigliamento) e accessori (42,6 milioni di euro); prodotti chimici (38,5 milioni); macchinari e apparecchiature (34,3 milioni); prodotti della metallurgia (33,5 milioni); prodotti alimentari (33 milioni); articoli in gomma e materie plastiche (21,4 milioni); prodotti agricoli, animali e della caccia (19 milioni); prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici (10,6 milioni); mobili (14,4 milioni). Il saldo è positivo per 44,5 milioni di euro: 418,5 milioni di export contro i 374 milioni di import.

Le gravi ricadute innescate dal conflitto ucraino non sembrano ancora impattare se non solo sull’interscambio che interessa Russia e Ucraina. L’export verso la Russia è crollato dai 12 milioni di euro del primo semestre 2021 a meno di 2 milioni di euro del primo semestre di quest’anno, mentre l’import è diminuito (dai 864mila euro ai 485mila). Anche con l’Ucraina diminuiscono sia le esportazioni (dai 708mila euro del primo semestre 2021 ai 525mila euro di quest’anno) quanto le importazioni (dai 183mila euro del primo semestre 2021 ai 172mila di quest’anno).