• mercoledì , 5 Ottobre 2022

Inaugurazione - 26 Ott 2021

Teatro Cavallino Bianco di Galatina: “Il futuro è adesso”

Il 13 novembre, alle 10.30, inaugurazione dopo i lavori di ristrutturazione. Poi, fino al 30 novembre, un ricco programma di appuntamenti di teatro, poesia, musica e danza per celebrare la riapertura della storica struttura

 


Spazio Aperto Salento

Il ritorno alla comunità del Teatro Cavallino Bianco di Galatina dopo gli importanti lavori di ristrutturazione, è ormai una realtà. Dopo la diffusione della notizia in occasione di un’apposita conferenza stampa svoltasi a Lecce in uno dei saloni dell’antico Palazzo Adorno, è cominciato il conto alla rovescia per l’inaugurazione ufficiale. La data è stata già fissata: sabato 13 novembre, con due distinti momenti. Il primo, alle ore 10.30,  per la cerimonia inaugurale, ed il secondo alle 21, con uno spettacolo.

L’evento mattutino verrà riservato ai saluti istituzionali, con l’aggiunta del concerto del Corpo bandistico “San Gabriele dell’Addolorata” della frazione di Noha, diretto dal maestro Loredana Calò. Quello serale, al monologo del “Rigoletto: la notte della maledizione”, nell’edizione del regista, attore e drammaturgo Marco Baliani, con la chitarra di Giampaolo Bandini e la fisarmonica di Cesare Chiacchiaretta e le musiche di Giuseppe Verdi, Nino Rota e lo stesso Chiacchiaretta (la produzione è della Società dei Concerti di Parma in collaborazione col Teatro Regio di Parma).

Come a volersi scrollare di dosso gli anni in cui è rimasto senza voce, per la riapertura, chi ha restituito ai cittadini il Teatro galatinese, ha coniato la frase: “Il futuro è adesso”.

Adesso, appunto, con la stesura e l’organizzazione del primo programma di eventi, sostenuto dal Ministero della Cultura, dalla Regione Puglia e dal Comune di Galatina retto dal sindaco Marcello Amante, dal giorno dell’inaugurazione (con prenotazione obbligatoria) a martedì 30 novembre. Undici spettacoli di teatro, musica,  poesia e danza, anche con la già prima ballerina del Teatro alla Scala di Milano, Nicoletta Manni, nativa della frazione di Santa Barbara, due lezioni col critico musicale del quotidiano “La Repubblica”, Gino Castaldo, ed un incontro-lezione con un nome di assoluto prestigio nel campo della Letteratura mondiale, lo scrittore francese di origini corse, Daniel Pennac, al secolo Daniel Pennacchioni.

Nella città culla del Tarantismo, di beni culturali come la Basilica di Santa Caterina, persino di eccellenze enogastronomiche, un Teatro del livello del Cavallino Bianco non poteva mancare. Così come non poteva mancare un programma di qualità, per l’occasione impaginato dall’associazione OTSE  Theatrikès Salento Ellada, diretta da Pietro Valenti, già direttore di Emilia Romagna Teatro, con l’ausilio dell’AMA di Lecce, l’Accademia Mediterranea dell’Attore, diretta da Franco Ungaro.

Il progetto finalmente varato, coinvolgerà gli studenti degli Istituti scolastici superiori, in attività di alternanza scuola-lavoro, attività laboratoriali e incontri con gli artisti ospiti.

IL PROGRAMMA

SABATO 13. “Rigoletto: la notte della maledizione”. Si tratta dello stesso titolo con cui il Teatro venne inaugurato nell’anno di nascita, il 1949.

DOMENICA 14. “Biancaneve”, con Catia Catania, Maria Pascale e Luigi Tagliente. Testo, regia, scene e luci di Michelangelo Campanale. Assistente alla regia, Serena Tondo. Costumi di Maria Pascale. Tecnici di scena, Walter MIrabile e Roberto Cupertino. Produzione, Crest, vincitore Eolo Award 2018 e Premio Padova 2017, Amici di Emanuele Luzzati.

MARTEDÌ 16. “Paradiso”, con Jari Boldrini, Nicola Cisternino, Maurizio Giunti, Andrea Palumbo e Giulio Petrucci. Regia, coreografia e spazio, Virgilio Sieni. Musica originale di Paolo Damiani. Costumi di Silvia Selvaggio. Luci di Virgilio Sieni e Marco Cassini. Allestimento di Daniele Ferro. Produzione: Comune di Firenze, Dante 2021, Comitato nazionale per le celebrazioni dei 700 anni in collaborazione con la Fondazione Teratro Amilcare Ponchielli di Cremona.

MERCOLEDÌ 17. “Sul bel Danubio blu” (musiche di Johann Strauss), con la Compagnia Corrado Abbati, le coreografie di Giada Bardelli e la direzione musicale di Marco Fiorini.

VENERDÌ 19. In mattinata, con inizio alle ore 10, è previsto l’incontro dello scrittore Daniel Pennac con Gli studenti.  Alle 21, “Dal sogno alla scena”, secondo incontro dello scrittore ma sul tema del Teatro, con Pako Loffredo e Demi Licata. Mise en espace di Clara Bauer. Musiche di Alice Loup. Produzione Compagniemia Mouvement International Artistique.

SABATO 20. Recital su “Leopardi” scritto ed  interpretato dall’attore teatrale Gabriele Lavia (produzione Effimera Srl).

DOMENICA 21. Dalle ore 21, la ballerina Nicoletta Manni, assieme al lettone Timofej Andrijasenko, interpreterà il “Passo a due” da “Il corsaro” (musiche di Adolphe Adam, coreografie di Marius Petipa), il “Passo a due” da “Caravaggio” (musiche di Bruno Moretti, coreografie di Mauro Bigonzetti), ed un terzo “Passo a due” da “Luminus” (musiche di Max Ritter, coreografie di Andras Lucaks). Nella stessa serata, il maestro Luigi Fracasso, un altro galatinese eccellente, eseguirà al pianoforte musiche di Beethoven (Sonata in Do diesis min. op. 27 n. 2), e di Chopin (Notturno in Fa min. Po. 55 n. 1 e Polacca in La bemolle magg. op. 53).

MARTEDÌ 23. E’ la serata dedicata alla danza. In scena dalle ore 21, il lavoro del coreografo Fredy Franzutti, “Haribairg”, con le allieve e gli allievi delle scuole di danza A.S.D. Valer Studio e Oistros Balletto.

GIOVEDÌ 25. Alle ore 21, “Il quotidiano innamoramento”, rito sonoro di e con la poetessa Mariangela Gualtieri, con la guida di Cesare Ronconi. Produzione Teatro Valdoca con il contributo della Regione Emilia Romagna e del Comune di Cesena.

VENERDÌ 26. E’ il turno delle due lezioni sulla musica rock del giornalista Gino Castaldo, dedicate alle Scuole. Al mattino (ore 10), lezione della figura di David Bowie, a sera (ore 21), lezione su Franco Battiato.

DOMENICA 28. “Mattia e il nonno”, di Roberto Piumini, tratto dall’omonimo romanzo pubblicato da Einaudi Ragazzi, con Ippolito Chiarello. Adattamento e regia di Tonio De Nitto. Musiche originali di Paolo Coletta. Costume di Lapi Lou. Luci di Davide Arsenio. Tecnico di scena, Matteo Santese. Organizzazione di Francesco D’Ippolito. Si tratta di una coproduzione Factory Compagnia Transadriatica e Fondazione Sipario Toscana, in collaborazione con Nasca Teatri di Terra.

MARTEDÌ 30. “L’eterno riso” di e con Fausto Romano, attore e scrittore originario di Galatina. Musiche eseguite dal vivo di Eva Parmenter (Produzione Faust).

NOTE DI SERVIZIO

Per informazioni contattare i numeri 388-1814359 e 320-1542153, oppure gli indirizzi mail officinetse.com e www.otse.it. Prevendita online dal 28 ottobre su: www.diyticket.it. Prevendita presso la biglietteria del teatro Cavallino Bianco, in via  Giuseppe Grassi 13, Galatina, dal 26 ottobre, dal lunedì al venerdì, dalle ore 16.30 alle 19.30, sabato dalle ore 10 alle 13.

Attraverso il centralino telefonico, la prenotazione del biglietto e quindi del posto a sedere può essere effettuata anche chiamando i seguenti numeri telefonici 388-1814359 e 320-1542153, a condizione che il biglietto venga ritirato in botteghino entro 24 ore dalla prenotazione, altrimenti la stessa viene considerata annullata.

Toti Bellone
© Riproduzione riservata

 

Foto in alto: Galatina, interno Teatro Cavallino Bianco

 

Galatina, interno del Teatro Cavallino Bianco

Galatina, foyer del Teatro Cavallino Bianco

Lecce, un momento della conferenza stampa a Palazzo Adorno (22 ottobre 2021)